Home Articoli Giorgio Albertazzi, un tributo alla vita e all’opera del grande attore scomparso...

Giorgio Albertazzi, un tributo alla vita e all’opera del grande attore scomparso nel 2016

45
0
CONDIVIDI

giorgio-albertazzi-3663

“Il racconto di un secolo di vita e di carriera straordinarie. Il testamento spirituale dell’ultimo ‘imperatore’ del teatro italiano”. Così Milly Carlucci presenta il reportage in tre episodi “Giorgio Albertazzi. Vita, morte e miracoli”, che Rai Cultura propone da lunedì 14 agosto alle 22.05 su Rai 5.

Un racconto personale del Maestro sulla sua vita e sul suo mondo artistico, tra teatro, televisione cinema e regia: Milly Carlucci e Maddalena De Panfilis lo hanno scritto con lui, limitandosi a completarlo dal punto in cui lui lo aveva lasciato il 28 maggio 2016, giorno della scomparsa. Non un “ritratto” di Albertazzi, ma un viaggio nel tempo, quasi un secolo, e nello spazio, di un uomo che crede nella poesia, nell’arte del teatro come esaltazione dell’oralità rispetto alla scrittura, nella bellezza. Anche per questo il racconto si snoda tra i luoghi della sua vita – la Maremma, Firenze, Roma – toccando i temi più cari al Maestro anche attraverso le testimonianze dei suoi amici e immagini provenienti dal suo e da vari altri archivi privati.

Protagonista della prima puntata è l’amore: per il teatro, per la bellezza, per le donne, per la natura. Riappaiono così, in una storia che si dipana tra pubblico e privato, le sue prime muse ispiratrici e compagne di vita, Bianca Toccafondi e Anna Proclemer, mentre di Albertazzi parlano Mariangela D’Abbraccio e Elisabetta Pozzi. La moglie Pia de’ Tolomei ne traccia, invece, un ritratto inedito ed esclusivo. E, ancora, le testimonianze di amici e colleghi come Oliviero Beha ed Amii Stewart.

Nelle puntate successive – in onda il 21 e il 28 agosto – il racconto affronterà, poi, il tema delle “radici” e quello del rapporto di Giorgio Albertazzi con l’Arte e le Arti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here