Home Eventi Bari Eleonora Giorgi al Bif&st 2016: “Marcello amico surreale e divertente”

Eleonora Giorgi al Bif&st 2016: “Marcello amico surreale e divertente”

117
0
CONDIVIDI

L’ultima Masterclass del Bif&st 2016 dedicata a Marcello Mastroianni ha visto sul palco del Teatro Petruzzelli, intervistati da Marco Spagnoli, la regista Mimma Nocelli e gli attori Eleonora Giorgi e Maurizio Donadoni. Ad aprire l’incontro il Direttore del Festival, Felice Laudadio.

Eleonora-Giorgi-Maurizio-Donadoni-Mimma-Nocelli-Bifest-Bari-2016

Bari, 9 Aprile 2016 – Nell’evento conclusivo delle iniziative dedicate a Marcello Mastroianni del Bif&st 2016 – Bari International Film Festival, anche i ricordi del Direttore Felice Laudadio legati all’attore, che portò per la prima volta a Bari nel 1988 per la premiazione del Festival Europa Cinema e lo accompagnò poi al Festival di Palm Springs, dove l’attore inaspettatamente si produsse in un vero e proprio show che incantò gli spettatori americani.

La Masterclass di stamattina al Teatro Petruzzelli è stata preceduta dalla proiezione dello speciale “Marcello” di Mimma Nocelli, prodotto da Rai Movie che lo manderà in onda proprio stasera. La regista, presente all’incontro, ha ricordato la sua stretta frequentazione con l’attore che la portò, una volta, anche a recarsi con lui presso un centro di dimagrimento, in un periodo in cui Mastroianni si sentiva sovrappeso: “Fu sottoposto ad una dieta per cui lui, così amante del cibo, poteva bere solo succhi. Al terzo o quarto giorno non ne poteva più, volle andar via e ci portò subito in un ristorante dove mangiò di tutto”.

Eleonora Giorgi, invece, recitò accanto a lui in “Oltre la porta” di Liliana Cavani: “Però lo avevo già conosciuto prima insieme a Fellini, diventammo amici, era una persona surreale e divertente, gli piaceva molto raccontare storie. La sua autoironia era tale che i racconti più frequenti erano legati alla fine dei suoi amori, compreso quello con Catherine Deneuve.”

Maurizio Donadoni ha condiviso con Mastroianni il set di “Storia di Piera” di Marco Ferreri: “Scambiammo appena una battuta, lo vidi arrivare con una 130 blu sport che perdeva qualche pezzo, commentai: ‘bella macchina!’, e lui: ‘ci sono affezionato!’. Ma il ricordo più bello sono le sue alzate di sopracciglia quando per esigenze di scena dovettero applicarmi un fallo finto”.

Per Eleonora Giorgi, Marcello Mastroianni esprimeva le sue idee, più che con le parole, con le sue scelte professionali: “Penso, ad esempio, al personaggio dell’omosessuale di ‘Una giornata particolare’ o la scelta di interpretare ‘Il Bell’Antonio’, ovvero il personaggio del siciliano impotente, subito dopo quello del latin lover di ‘La dolce vita’. La sua era una vera e propria militanza cinematografica”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here