Home Dal mondo MSF: Sud Sudan, va garantito immediato accesso a cure mediche salvavita per...

MSF: Sud Sudan, va garantito immediato accesso a cure mediche salvavita per i feriti

40
0
CONDIVIDI

Medici Senza Frontiere fornisce assistenza d’urgenza in risposta agli scontri nello stato dell’Upper Nile

14/02/2011 – Medici Senza Frontiere sta facendo fronte a una massiccia affluenza di feriti, come risultato dei recenti scontri iniziati nei giorni scorsi nello Stato dell’Upper Nile in Sud Sudan. In collaborazione con il Comitato Internazionale della Croce Rossa e il Ministero della Salute, una équipe medica di MSF ha ricoverato 33 feriti nell’ospedale di Malakal, 6 dei quali con urgente bisogno di operazioni chirurgiche. Altri 17 pazienti ricoverati sono stati tutti evacuati da New Fangak e Pamzsherf, dove si sono concentrati gli scontri.

“La maggior parte dei ricoverati mostrano ferite da armi da fuoco e hanno gravi ferite all’addome e agli arti” – spiega Tim Baerwaldt, capo missione di MSF in Sud Sudan. “Tra i pazienti ricoverati abbiamo curato anche un bambino di 11 anni e due donne”.

A causa degli scontri e dell’insicurezza, molte aree sono rimaste isolate e quindi le persone in difficoltà non possono essere raggiunte dall’assistenza medica. MSF sta attualmente mettendo in atto tutti i passi necessari per raggiungere tutte le persone colpite dai recenti scontri. “MSF è estremamente preoccupata per i feriti che potrebbero non aver ricevuto alcun tipo di assistenza”, prosegue Tim Baerwaldt. “Urge da parte delle autorità competenti, garantire un immediato accesso a cure mediche salvavita sia ai civili che a tutte le parti in conflitto”.

Per rafforzare il team medico già presente a Malakal, MSF ha fatto arrivare un chirurgo e un anestesista. Sono giunte anche forniture chirurgiche da Lokichokkio, nel vicino Kenya. MSF sta fornendo assistenza chirurgica e post-operatoria in collaborazione con il Comitato Internazionale della Croce Rossa e il Ministero della Salute. Le equipe di MSF sono attualmente anche responsabili delle visite mediche e della stabilizzazione dei pazienti feriti.

Queste ultime violenze sono avvenute pochi giorni dopo quelle scoppiate nella stessa Malakal, lo scorso 3 febbraio. A supporto dei chirurghi del Ministero della Salute, MSF ha fornito assistenza pre e post operatoria ai feriti e ha dato sostegno per le visite mediche e la stabilizzazione dei pazienti. Tra il 3 e il 6 febbraio, sono state ricoverate 23 persone in ospedale per ferite da trauma e alcune di loro hanno avuto bisogno di un intervento chirurgico. Altri 6 feriti per gli scontri a Melut sono stati ricoverati nell’ospedale di Malakal il 7 febbraio.

MSF fornisce assistenza medico-umanitaria d’emergenza in Sudan dal 1979. Attualmente MSF gestisce 27 progetti in 13 stati del paese, fornendo una vasta gamma di servizi incluse cure mediche di primo e secondo livello, risposta alle emergenze quando si manifestano, supporto nutrizionale, assistenza ostetrica, trattamento per il Kala azar, assistenza psicologica, chirurgia e pediatria.

A Malakal il lavoro di MSF è focalizzato nell’assistenza medica a pazienti affetti da kala azar, una malattia dimenticata. L’anno scorso MSF ha curato 2.766 pazienti per la malattia.

Medici Senza Frontiere è la più grande organizzazione medico-umanitaria  indipendente al mondo. Nel 1999 è stata insignita del Premio Nobel per la Pace. Dal 1971 opera in oltre 60 paesi, portando assistenza alle vittime di guerre, catastrofi ed epidemie. www.medicisenzafrontiere.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here