Libia, MSF incrementa le attività nella città di Misurata

12 tonnellate di materiali medici portate da MSF negli ultimi giorni

03/05/2011

Roma – Nella città libica sotto assedio di Misurata, un’équipe di Medici Senza Frontiere (MSF) composta da 12 persone lavora al Kasr Ahmed Hospital, svolgendo attività mediche e chirurgiche e fornendo supporto all’Al Hikma Hospital.

Lo scorso 28 aprile, un’équipe di MSF è arrivata nella città libica per rafforzare il team di 3 persone presente da 10 giorni per valutare i bisogni della popolazione. La nuova équipe composta da 9 persone – 2 chirurghi, 2 anestesisti, 3 infermieri, 1 dottore e 1 logista – ha lasciato Malta su una nave portando 12 tonnellate di medicine e forniture mediche. Uno dei chirurghi di MSF sta attualmente lavorando all’Al Hikma Hospital, la struttura di riferimento per le operazioni chirurgiche più complesse, per aiutare il personale medico libico che lavora 24 su 24 da svariate settimane. Il resto dell’équipe si sta preparando a iniziare le attività al Kasr Ahmed Hospital, situato nella parte orientale della città. Inizialmente, MSF ha apportato delle migliorie nei reparti dell’ospedale, ripristinando la sala operatoria e risistemando le sale per la rianimazione e l’ospedalizzazione dei pazienti.

L’obiettivo è quello di fornire cure mediche e chirurgiche alla maggior parte della popolazione, rifugiatasi in questa parte della città dopo i violenti combattimenti nel centro e a sud di Misurata, e agli immigrati africani e asiatici isolati nel porto in attesa di un’imbarcazione che li riporti a casa.

Oltre alle cure mediche, pediatriche e chirurgiche di emergenza, che saranno disponibili nei prossimi giorni, MSF ha in programma di aumentare la capacità dei posti letto da 12 a circa 50 e di ripristinare la sala operatoria al Kasr Ahmed Hospital. Secondo le nostre équipe gli ospedali hanno una capacità estremamente limitata – 100 letti circa – per una popolazione di quasi 300.000 persone. Nel reparto di cure materno-infantili, MSF aumenterà l’accesso alle cure di emergenza per bambini e donne incinte predisponendo una seconda sala operatoria e aumentando il numero dei posti letto. MSF è al momento l’unica organizzazione medica internazionale della città.

Sabato, una nave con 5 operatori internazionali ha lasciato Bengasi alla volta di Misurata per raggiungere gli altri colleghi in loco. Questa équipe, composta da 1 ostetrica, 2 infermieri, 1 logista e 1 psicologo, si occupa delle cure di ostetricia e ginecologia, di pediatria e neonatologia nella Tubah clinic. Si aggiungeranno altri 5 operatori internazionali – 1 ginecologo, 1 anestesista, 1 responsabile sanitario, 1 infermiere di sala operatoria e 1 pediatra – che lasceranno Malta mercoledì per Misurata con un cargo contenente 7,5 tonnellate di forniture sanitarie.

Tunisia
Situazione instabile sul confine Tunisia-Libia. Lo scorso 27 aprile, un bombardamento delle forze governative ha danneggiato l’ospedale di Zintan, situato a sud del confine libico-tunisino. A seguito di questi attacchi, le équipe di MSF hanno evacuato 18 pazienti con l’ambulanza stabilizzandoli dopo aver fornito loro cure di primo soccorso.

L’esercito di Gheddafi ha intrappolato il gruppo armato degli oppositori tra il confine tunisino e Dehiba dove continuano gli scontri. La maggior parte della popolazione che ha trovato rifugio al di là del confine è composta da donne e bambini, mentre gli uomini ritornano in Libia per difendere le proprie case o per combattere. A sud di Dehiba, stanno aumentando i bisogni medici e i centri sanitari richiedono il supporto di MSF per la stabilizzazione, la chirurgia e le cure mediche generali per i feriti. Inoltre, MSF fornisce supporto psicologico in un campo di rifugiati libici e nelle comunità di accoglienza.

Medici Senza Frontiere è la più grande organizzazione medico umanitaria indipendente al mondo. Lavora in più di 60 paesi portando assistenza alle vittime di guerre, catastrofi ed epidemie. www.medicisenzafrontiere.it

 

Scritto da .

Scrivi una replica

Copyright 2011 © RB Casting. Tutti i diritti sono riservati | Sede legale: Via Angelo Brunetti, 33 - 00186 Roma | Tel/fax + 39 06 64520040
Sito realizzato da Emiliano Pecis | RB Tool realizzato da Nino Guarnacci | Sistemista Frank Contrepois