“Isole”: la sfida narrativa e distributiva del nuovo film di Stefano Chiantini

Tre solitudini che s’incontrano su un’isola abitata da poche anime, quella di un anziano prete malato, di una ragazza muta e di un clandestino: è “Isole”, il nuovo film di Stefano Chiantini con Asia Argento, Giorgio Colangeli, Ivan Franek, Anna Ferruzzo, Paolo Briguglia ed Alessandro Tiberi.

Girato sulle isole Tremiti, il film narra una storia di amore e solidarietà delicata e quasi fuori dal tempo, fatta di sguardi e di silenzi. Per coincidenza Don Enzo, Martina e Ivan (questi i nomi dei tre protagonisti) cominciano a vivere insieme e il loro rapporto, di iniziale diffidenza, si trasforma lentamente in qualcosa di più profondo in cui a prendere il sopravvento saranno l’amore e la solidarietà. Le due anime solitarie di Martina e Ivan si scoprono affini e si aprono l’un l’altro, sfidando il mondo circostante che li vede incapaci e rinchiusi nella loro diversità. Un film sulla necessità di comunicare, in cui l’isola è metafora dell’essere umano: solo ma raggiungibile. Il ponte per arrivare è fatto di comunicazione e comprensione.

Lo sguardo di Chiantini, al suo terzo lungometraggio, è distante probabilmente in maniera voluta ma è proprio questo che impedisce al film di raggiungere un apice emotivo, in grado di coinvolgere ed emozionare fino in fondo.

Ottimo e convincente, invece, tutto il cast con un’inedita Asia Argento introversa fino al mutismo, in una delle sue migliori interpretazioni che ha descritto come “una sfida riuscire a comunicare più con il cuore e il corpo che con le parole”.

Interessante ed anomala la distribuzione del film della Zaroff cui, oltre il tradizionale circuito cinematografico, si affianca quello web. Il film sarà infatti visibile gratuitamente online, a cinque giorni dall’uscita in sala, sul sito di Repubblica.it (dal 16 al 20 maggio). A Roma “Isole” è anteprima il 10 maggio al Nuovo Sacher, dopodiché sarà disponibile solo attraverso DVD dati in omaggio agli spettatori che nei giorni seguenti si recheranno in quello stesso cinema per vedere gli altri titoli in programmazione.

Presentato all’ultimo Festival di Toronto e passato in vari festival internazionali, “Isole” è nelle sale dall’11 maggio.

Alcuni commenti della critica:

“C’è tutto il cinema passionale e insulare che arriva dai venti e dalle lave di Stromboli e Vulcano, passando per il ‘Respiro’ di Crialese. In uno scenario da sceneggiato d’interni e sentimenti arcaici, il Chiantini documentarista guarda a una famiglia del Sud che disputa col clandestino (Franek), innamorato della muta Asia protetto da don Enzo (Colangeli) contro le paure indotte, in un incastro nevrotico sociale abbastanza predestinato (voto 5)”.
Corriere della Sera

“Isole è una favola moderna che racconta l’incontro di tre solitudini e la nascita di un amore fatto di timidi sguardi e approcci impacciati. Una storia che matura sotto il tetto di una casa canonica sulle isole Tremiti. Qui si ritrovano a vivere insieme Ivan, un immigrato clandestino, Martina, una ragazza che non parla e don Enzo, l’anziano tutore di Martina”.
Repubblica.it

“(…) Così, senza cedere a facili denunce o un umanesimo peloso e schematico, l’operetta morale di Chiantini ci racconta delicatamente che anche se ogni uomo è un’isola, non è detto che non possa essere bagnato dallo stesso mare”.
Edoardo Becattini, MYmovies.it

Scritto da . Giornalista professionista, collabora, oltre che con RB Casting, con testate cartacee e web,come Donna Moderna, Left e Radio Cinema, occasionalmente per la sezione costume del quotidiano La Stampa. Lavora per la carta stampata, il web, la radio e la tv tra cui SKY Tg24 ed corrispondente per varie testate per la Mostra del Cinema di Venezia, il Festival di Cannes, il Festival Internazionale del Film di Roma ed altri importanti festival nazionali.

Scrivi una replica

Copyright 2011 © RB Casting. Tutti i diritti sono riservati | Sede legale: Via Angelo Brunetti, 33 - 00186 Roma | Tel/fax + 39 06 64520040
Sito realizzato da Emiliano Pecis | RB Tool realizzato da Nino Guarnacci | Sistemista Frank Contrepois