Home Articoli Concertone Primo Maggio: Neri Marcorè, dal sacro al profano

Concertone Primo Maggio: Neri Marcorè, dal sacro al profano

CONDIVIDI

Countdown partito per il consueto e atteso concertone del Primo Maggio a Roma. Anche per quest’anno l’evento gratuito di Piazza San Giovanni a Roma è organizzato dalle sigle sindacali (CGIL, CISL e UIL), giunto alla sua 22esima edizione, resta uno dei concerti più attesi dai fan della musica.

Per questo 2011 il mattatore sarà Neri Marcorè, istrionico artista che spazia in molte arti, celebre la sua ultima apparizione al festival di Sanremo, e già interprete della serie Rai “Papa Luciani – Il sorriso di Dio”.

Tema del concerto sarà “La storia siamo noi”, e rappresenterà un’ulteriore occasione per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia. A tal proposito largo spazio ai canti popolari che verranno eseguiti nel corso dell’happening musicale da personaggi noti della musica italiana, prima conferma, Gino Paoli che interpreterà, rivisitandola, la celeberrima “Va’ pensiero” dal Nabucco di Giuseppe Verdi. Altra presenza estremamente ambita è quella di Ennio Morricone e l’orchestra Sinfonietta di Roma, composta da 72 elementi e un coro di 60 voci, diretti dal giovanissimo Francesco Lanzillotta, che dirigerà “Elegia per l’Italia”.

Tra i brani in scaletta, inoltre, non mancheranno “Bella ciao”, “Volare” e l’Inno di Mameli. Nella lunga maratona musicale di Roma verranno celebrati alcuni nomi rappresentativi della storia del Paese: Dante Alighieri, Arturo Toscanini, Totò, Pierpaolo Pasolini, Anna Magnani, Gigi Riva, fino a Rita Levi Montalcini.

Molti punti scoperti restano comunque nel programma e nel cast del concertone capitolino, infatti a parte Morricone e Paoli, nessun’altra conferma è stata data sulla composizione del cast, si attendono notizie e smentite da personaggi come Caparezza, Litfiba, Marlene Kuntz, Almamegretta & Raiz e Modena City Ramblers.

Connivenza forzata il Primo Maggio con un altro grande evento italiano, la beatificazione di Papa Wojtyla. Le celebrazioni inizieranno fin dal 30 aprile per concludersi il 2 maggio. Attesi migliaia di fedeli da tutto il mondo. E intanto Roma Capitale ha già annunciato il tutto esaurito per hotel e mezzi pubblici per i giorni intorno a quelle date.

Un dubbio mi attanaglia: troveremo qualche suorina ballare al ritmo degli Almamegretta, sotto il palco di Piazza San Giovanni? O troveremo qualche Rastaman alla beatificazione dell’amato Papa? Restate in attesa per i prossimi sviluppi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here