Home Articoli “È stato morto un ragazzo”, proiezione alla Casa del Cinema

“È stato morto un ragazzo”, proiezione alla Casa del Cinema

CONDIVIDI

Il documentatio vincitore del David di Donatello 2011 “È stato morto un ragazzo” di Filippo Vendemmiati che ripercorre le vicende umane e giudiziarie legate alla morte di Federico Aldrovandi, sarà proiettato martedì 28 giugno alle ore 18.00 in Sala Deluxe della Casa del Cinema di Roma (repliche: 30 giugno, 2 e 3 luglio ore 18).

La narrazione ripercorre le vicende umane e giudiziarie legate alla morte di Federico Aldrovandi, avvenuta a Ferrara alle sei di mattina del 25 settembre 2005 durante un controllo di polizia. Da quella vicenda scaturì un’inchiesta giudiziaria, inizialmente destinata all’archiviazione, e un processo, che in primo grado il 6 luglio del 2009 si è concluso con la condanna a 3 anni e sei mesi di quattro agenti.

La storia viene ricostruita attraverso testimonianze ufficiali e il racconto si sviluppa sotto la diretta consulenza degli avvocati di parte civile e dei familiari del ragazzo, che approvano e collaborano al progetto: la prima parte è dedicata ai fatti e ai misteri, la seconda al processo e a suoi numerosi colpi di scena, mentre il finale, partendo dagli interrogativi rimasti insoluti, tenterà una spiegazione verosimile degli avvenimenti.

Il titolo scelto, “È stato morto un ragazzo”, fa riferimento alla vicenda di Gabriele Sandri, tifoso della Lazio ucciso in un autogrill da un proiettile vagante, partito dalla pistola di un poliziotto. La frase, tanto sgrammaticata quanto efficace, fu pronunciata da un collega del poliziotto, e rappresenta bene anche le ambiguità della tragedia di Federico, in bilico tra omicidio e casualità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here