Home Articoli Casa del Cinema: bilancio positivo, spettatori in aumento

Casa del Cinema: bilancio positivo, spettatori in aumento

CONDIVIDI

Tempo di bilancio dopo i primi 7 mesi con la direzione artistica di Caterina D’Amico e la gestione di Zètema Progetto Cultura

Sono passati poco più di 7 mesi dalla riorganizzazione della Casa del Cinema – struttura promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, con la direzione artistica di Caterina D’Amico e la gestione di Zètema Progetto Cultura – ma è già possibile fare un primo resoconto dell’attività e lanciare i prossimi progetti.

La prima novità riguarda il comitato di indirizzo – già composto dall’Assessorato alle Politiche Culturali e del Centro Storico di Roma Capitale, dall’Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, Zètema Progetto Cultura, Unindustria Unione degli Industriali e delle imprese di Roma, Frosinone, Rieti, Viterbo, Rai Corporate, Rai Cinema, Cinecittà Luce, Anica e Associazione Produttori Televisivi – di cui entrano a far parte anche le Associazioni degli Autori Associazione 100autori e ANAC. Inoltre, è in corso di definizione un accordo di collaborazione con il Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri per promuovere e valorizzare giovani talenti italiani attraverso gli spazi e le attività della Casa del Cinema.

Da febbraio a settembre 2011, la Casa del Cinema ha visto un maggior numero di proiezioni e incontri rispetto allo stesso periodo del 2010 confermando, allo stesso tempo, la sua capacità di autofinanziamento attraverso la locazione delle sale. Il fatturato derivato dalla locazione, infatti, è cresciuto del 23,2% passando da 118.660 euro nel 2010 a 146.183 euro nel 2011.

Inoltre, a seguito della riorganizzazione partita a febbraio, la Casa del Cinema sta integrando la sua attività con quella di altre strutture della città e con i grandi eventi organizzati da Roma Capitale. Basti pensare alla programmazione coordinata con il Silvano Toti Globe Theatre diretto da Gigi Proietti, alla collaborazione con la Casa Moravia e con il Centro Culturale Elsa Morante – rapporto, quest’ultimo, che ha portato anche in periferia parte della programmazione – o, ancora, all’integrazione della Casa del Cinema nei grandi eventi cittadini come la Notte dei Musei. Rapporti e procedure che saranno consolidati nel corso dei prossimi mesi per raggiungere a pieno l’obiettivo di una razionalizzazione del sistema cultura e di una riduzione dei costi.

Tutto ciò è stato accompagnato da una variegata offerta di rassegne, incontri, appuntamenti e premi che hanno visto un grandissimo riscontro di pubblico. Ad esempio le rassegne “Esordi di attori dietro la macchina da presa” (corredati da incontri con il pubblico) e “Nascita di una nazione”. “Il Risorgimento nel cinema italiano” (una delle più complete rassegne di film e sceneggiati sull’epoca dell’Unità d’Italia); i festival dedicati al cinema straniero Rendez-vous. Appuntamento con il nuovo cinema francese e Festa del cinema bulgaro; il grande spazio dedicato a documentari, cortometraggi e cinema indipendente e la retrospettiva sui primi 9 anni del Premio Sesterzio d’argento. Grande successo anche per “9 settimane e ½” ospitata da luglio a settembre nel Teatro all’aperto e in particolare per la rassegna “Shakespeare al cinema” (organizzata in collaborazione con il Silvano Toti Globe Theatre) e, all’interno dell’Omaggio a Nino Rota, per la proiezione de “Il Gattopardo” che ha visto 400 spettatori per 200 posti disponibili.

Tanti anche gli appuntamenti per i prossimi mesi di programmazione. Per maggiori informazioni: www.casadelcinema.it.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here