Home Articoli Margherita Hack, “Perché sono vegetariana”

Margherita Hack, “Perché sono vegetariana”

CONDIVIDI

“Non ho alcun merito a essere vegetariana, lo sono dalla nascita”. Ma un grande merito lo ha Margherita Hack: denunciare in queste pagine una barbarie che tanto spesso ci sfugge più o meno volontariamente. Ricorrendo come sempre alla scienza, scrive parole importanti in difesa di tutti gli animali, per scuotere le coscienze e far riflettere sul futuro. 

Margherita Hack, la più grande astronoma vivente, tratta nel libro “Perché sono vegetariana” un tema di grandissima attualità accompagnandolo da esperienze personali e citazioni di grandi vegetariani della storia, della letteratura e dell’arte; da Plutarco ad Einstein, così come lo stesso Leonardo da Vinci. L’autrice, vegetariana dalla nascita, spiega perché uccidere gli animali per nutrirsi non è solo una barbarie ma un danno irreversibile per la salute e l’ambiente.

Alle scene cruente dei mattatoi si alternano spiegazioni scientifiche che attingono anche all’astrofisica. Il libro è una veemente difesa del mondo animale e degli stretti rapporti con l’uomo fin dall’apparizione della vita sul pianeta. Denso di rivelazioni choc e tesi molto condivisibili, la lettura offre spunti di riflessione – così come di polemica – a tutti coloro che hanno a cuore l’ambiente ma anche la propria salute.

Alla conclusione potremmo non essere preparati: smettere di nutrirsi di animali può cambiare le sorti del pianeta e persino risolvere in gran parte il problema della fame del mondo.

“Perché sono vegetariana” esce a dicembre 2011, Edizioni dell’Altana.

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here