Home Articoli Ottimo bilancio per il cinema italiano al Festival di Toronto 2012

Ottimo bilancio per il cinema italiano al Festival di Toronto 2012

CONDIVIDI

Sette film italiani accolti con entusiasmo da industria, pubblico e stampa. Questo l’ottimo bilancio della presenza italiana al Toronto International Film Festival 2012, organizzata da Istituto Luce Cinecittà, che si conferma, nella seconda parte dell’anno, l’appuntamento più importante per l’internazionalizzazione del cinema d’autore.

“Io e te” di Bernardo Bertolucci ha aperto la selezione italiana seguito da “La guerra dei vulcani” di Francesco Patierno, documentario sul love affaire Magnani/Rossellini/Bergman, dimostra che anche un genere apparentemente difficile, può appassionare e trovare un vasto pubblico. E’ stato infatti venduto in più di trenta territori.

Per “E’ stato il figlio” di Daniele Ciprì, oltre all’imminente uscita francese, sono stati chiusi gli accordi con i distributori australiani ed ungheresi, mentre sono ancora aperte le trattative per Brasile, Messico Argentina e UK e un grande interesse è stato riscontrato da parte dei distributori americani e canadesi.

Serrata competizione tra i distributori francesi per acquisire i diritti de “L’Intervallo” di Leonardo Di Costanzo, vera rivelazione di Venezia e Toronto, amato da pubblico, critica e addetti ai lavori. Per “L’intervallo” si registra interesse anche da parte dei distributori giapponesi, inglesi e americani.

“Reality” di Matteo Garrone ha iniziato qui il suo viaggio nordamericano, dove è stato presentato nella sala principale del TIFF Bell Lightbox, il palazzo del cinema. Stampa e pubblico hanno accolto il film con uno straordinario consenso, confermando all’autore italiano la popolarità già conquistata con “Gomorra”. “Reality”, venduto già in più di quindici paesi, verrà distribuito in Canada da Mongrel e da Oscilloscope negli Stati Uniti. Da Toronto è partita la campagna promozionale.

“Bella Addormentata” di Marco Bellocchio, per il quale ci sono trattive in corso per la distribuzione negli Stati Uniti e in Canada, ha già conquistato distributori per l’America Latina, il Portogallo e la Grecia e uscirà nella sale francesi in autunno. Il film è stato presentato all’Elgin Theater, alla presenza del regista e degli attori Maya Sansa e Pier Giorgio Bellocchio, trascinando la sala al termine della proiezione con applausi e consensi straordinari. Inizia per “Bella Addormentata” il giro del mondo, prossime tappe: Londra, Busan e Tokyo.

Troppo presto per parlare di affari per “Venuto al mondo” di Sergio Castellitto, programmato in anteprima mondiale al Festival di Toronto. Tratto dall’omonimo romanzo di Margaret Mazzantini, il film è stato presentato nella prestigiosa sezione Gala, con un tappeto rosso veramente speciale: Sergio Castellito, Margaret MAzzantini, Pietro Castellitto, protagonista del film, Penelope Cruz e Emile Hirsch.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here