Home Articoli Gli Universitari di Moccia nelle sale il 26 settembre

Gli Universitari di Moccia nelle sale il 26 settembre

CONDIVIDI

Uscirà nelle sale giovedì 26 settembre 2013, distribuito da Medusa Film, “Universitari – Molto più che amici”, il nuovo film di Federico Moccia che torna alla regia dopo i successi al botteghino di “Scusa ma ti chiamo amore” e “Scusa ma ti voglio sposare”.

Prodotto da Marco Belardi per Lotus Production e da Medusa Film, scritto dallo stesso Moccia insieme a Ilaria Carlino, il film ha come protagonisti Primo Reggiani, Nadir CaselliSimone Riccioni, Brice Martinet, Sara Cardinaletti e Maria Chiara Centorami, affiancati da Paola Minaccioni, Enrico SilvestrinBarbara De Rossi, Maurizio Mattioli e Amanda Sandrelli, oltre a Fabio Troiano e Dario Bandiera.

Sinossi
Carlo, Faraz e Alessandro, sono tre universitari fuori sede, che dividono una casa.
Anzi no, non proprio una casa: “Villa Gioconda”, una ex clinica in disuso che il padrone ha deciso di affittare a studenti fuori-sede, senza neanche rimetterla troppo a posto…
Convivere tra maschietti è facile, ognuno col proprio disordine, con le proprie non-regole, con il proprio “metodo di studio”. L’universo maschile in cui vivono, però, sta per essere invaso dalle donne. Il padrone di casa decide di affittare anche a ragazze, contravvenendo a una vecchia regola da lui imposta anni addietro.
Saranno così Francesca, Giorgia ed Emma ad irrompere a “Villa Gioconda” sconvolgendo l’instabile equilibrio cameratesco e mettendo la casa in subbuglio.
Carlo, Giorgia, Emma, Alessandro, Faraz e Francesca, affrontano così un anno di università insieme: quel lungo momento magico e durissimo in cui ci si prepara il futuro con le proprie mani, quella specie di ultima vacanza prima di fare davvero sul serio nella vita. A poco a poco ognuno si stacca dal proprio nido e spicca il volo da solo, non prima d’aver creato una nuova, confusissima, divertente e tumultuosa famiglia allargata, che è quella degli amici.
Ed ecco che anche una vecchia clinica con l’impianto elettrico marcio e qualche sedia a rotelle in cantina, può improvvisamente diventare teatro di un’avventura folle e indimenticabile.
Indimenticabile come gli anni dell’università e degli amori che si vivono a vent’anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here