Home Articoli Cibo e Cultura: protocollo d’intesa tra Zètema ed Eataly

Cibo e Cultura: protocollo d’intesa tra Zètema ed Eataly

CONDIVIDI


Roma, 18 Novembre 2013 – E’ stato presentato oggi – alla presenza dell’Assessore Marta Leonori, dell’Assessore Flavia Barca, dell’Amministratore Delegato di Zètema Albino Ruberti e dell’Amministratore Delegato di Eataly Francesco Farinetti – il protocollo d’intesa tra Zètema Progetto Cultura ed Eataly: l’eccellenza culturale si sposa con l’eccellenza enogastronomica.

Cibo e Cultura. Una sinergia vincente in una città come Roma. E la loro reciproca valorizzazione è uno dei principali obiettivi alla base del protocollo d’intesa stipulato tra Zètema Progetto Cultura ed Eataly grazie alla promozione e l’incremento di un flusso continuo di informazioni e di visitatori dal Sistema Musei in Comune a Eataly e viceversa.
Zètema ed Eataly, due realtà profondamente romane, strutture sane e dinamiche con campi di azione a volte convergenti – cultura, cultura enogastronomica, turismo, valorizzazione delle risorse e della tradizione italiana – che vogliono creare un processo virtuoso dove ognuno mette in campo le proprie peculiarità, fattore comune di crescita e servizio all’utente.

Il fulcro principale di questo accordo è un meccanismo già apprezzato e potenzialmente destinato a crescere nel gradimento di romani e turisti: i clienti di Eataly presentando uno scontrino di acquisto minimo di 20 euro possono usufruire, presso qualunque museo del Sistema Musei in Comune, di un ingresso ridotto (entro 14 giorni dalla data di emissione dello scontrino) nonché di uno sconto del 10% nelle librerie annesse a questi siti museali.
Ma la facilitazione è reciproca. Infatti il possessore del biglietto di ingresso – intero o ridotto – in un museo civico, può presentarlo entro 14 giorni presso Eataly ed avere uno sconto del 10% su una singola transazione: spesa, corso di cucina o ristorante.

Dunque, una collaborazione che vede bellezza per gli occhi e spirito, allearsi con bontà per il palato e la mente, proponendo al fruitore ulteriori forme di coinvolgimento. Come ad esempio ai possessori della Roma Pass (la card turistico culturale di Roma Capitale) ai quali Eataly offre, nel suo stand “Làit”, un gelato al fiordilatte nonché un buono pari al 10% di quanto speso per partecipare ad un corso o ad un evento – utilizzabile entro 30 giorni – per una spesa di importo uguale o superiore al valore del buono emesso in qualsiasi reparto o punto ristoro Eataly.
Ed è sempre all’obiettivo di reciprocità che guardano gli altri punti di questo protocollo: la possibilità per Eataly di essere inserita nell’opuscolo informativo parte del kit della Roma Pass, il suo posizionamento geografico nella pianta di Roma all’interno del kit, l’opportunità per Eataly di vendere, nelle librerie dei Musei in Comune, gadget e piccola oggettistica. E Zètema a sua volta sarà presente all’interno di Eataly con opuscoli, materiale informativo sulle iniziative in programma, manifesti delle mostre allestite all’interno del circuito museale vendendo anche, nella libreria Eataly, libri, cataloghi e merchandising delle esposizioni ospitate nei Musei Civici.

Anche l’organizzazione sinergica di eventi è un aspetto importante di questo accordo. Uno spunto lo ha fornito il Festival della Fotografia XII edizione – prodotto da Zètema – con l‘allestimento negli spazi di Eataly, delle riproduzioni di grande formato di alcune opere di Andrea e Paolo Ventura, create appositamente per Eataly. Un omaggio all’italianità di cui i fratelli Ventura sono riconosciuti messaggeri in tutto il mondo, in particolar modo negli Stati Uniti. Ma non solo. Il 21 novembre (ore 17.00 – 19.00 III piano, Aula Vino) questo tema sarà approfondito in un incontro dal titolo “Paolo Ventura. Appunti per un teatro della memoria”, a cui interverrà anche Marco Delogu, direttore del Festival della Fotografia.

Solo per citare qualche numero: nel 2012 i visitatori del Sistema Musei in Comune sono stati 1.531.681; 500mila le Roma Pass vendute in dodici mesi (dato in crescita). Eataly Roma ha un’aspettativa di 6 milioni di visitatori all’anno. Solo tre dati ma sufficienti per far capire come questo accordo tra due realtà giovani, dinamiche e creative come Zètema ed Eataly è un punto di partenza e non di arrivo. La piattaforma di lancio sono i vantaggi offerti ai “consumatori” di Cibo e Cultura, la stazione di arrivo è la sempre maggiore valorizzazione delle risorse e delle offerte di una città come Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here