Home Articoli Ciak, si gira! “It’s Fine Anyway” di Pivio

Ciak, si gira! “It’s Fine Anyway” di Pivio

CONDIVIDI

Jun-Ichikawa-3983

Mercoledì 20 luglio a Roma iniziano le riprese di “It’s Fine Anyway”, video della canzone che dà il titolo al nuovo album “solo” di Pivio, destinato a diventare un film entro il 2017.

Un’impresa inedita che vede il musicista genovese – autore, con Aldo De Scalzi, di tante colonne sonore di successo, da “Il Bagno Turco” a “Song’e Napule” – impegnato a capovolgere le regole del gioco: non più dal film le musiche, ma dalle musiche il film. L’autore firmerà anche la regia, insieme a Marcello Saurino.

Al centro della storia di questo primo “capitolo”, una riflessione originale e inconsueta sulla violenza. Protagonista l’attrice italo-giapponese Jun Ichikawa.

cover-its-fine-anyway

L’album da cui sarà tratto il film è composto da 12 brani, 9 canzoni in inglese e 3 pezzi strumentali, completamente scritti ed eseguiti dal musicista genovese, con il contributo, in 6 brani, di Andrea Maddalone alle chitarre elettriche, del jazzista Gianpiero Lo Bello al flicorno e tromba in “Tomorrow I Died” e di un settetto d’archi in “The Fourth Letter”. I testi di “I’m Not Going Anywhere” e “When You Appear Behind the Famous Actor” sono firmati da Pivio e Marco Odino.

Si tratta di un’opera fortemente segnata da atmosfere dark, in bilico tra sperimentazione elettronica e ritmiche tribali, caratterizzata da un uso molto personale della parola e della voce. Non è solo un omaggio alla new-wave anni ’80 che ha visto gli esordi dell’autore, ma un’appassionata riflessione sulla distanza che ci separa da quegli anni e sul carattere fondativo di quell’esperienza. Non è un caso che l’unica cover presente sia “Party Of The Mind” (1982), brano di punta del gruppo post-punk The sound.

David Sylvian, Joy Division e il David Bowie della trilogia di Berlino sono fra gli autori che ispirano le sonorità del disco, con citazioni esplicite, dal sapore quasi paleo-tecnologico, come la ricostruzione del suono esatto dell’ormai leggendario birotron, il campionatore a nastro inventato da Dave Biro e Rick Wakeman negli anni ’70.

IT’S FINE, ANYWAY – I dischi dell’espleta – ESP055 CD, Vinile, versione digitale – Le versioni in CD e vinile differiscono per durate ed arrangiamenti, il brano “Your Skin” è presente solo nella versione su CD. La versione su vinile rosso è in edizione limitata.

http://www.pivioealdodescalzi.com/project/it-s-fine-anyway-2/

https://www.youtube.com/watch?v=NNQ-6mYQj08

PIVIO-050-foto-Pietro-Pesce

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here