Home Articoli Unico, rivoluzionario, libero: Renato Zero si racconta questa sera su Rai 1

Unico, rivoluzionario, libero: Renato Zero si racconta questa sera su Rai 1

CONDIVIDI

renato-zero-arena-di-verone-2016

È “Arenà – Renato Zero si racconta” il titolo dell’unica ed esclusiva prima serata targata Rai 1 in onda sabato 17 settembre, alle 20.35. Un appuntamento di quasi tre ore, denso di canzoni, parole, conversazioni, musica, emozioni e grandi incontri con amici e colleghi, sul palco e dietro le quinte.

Renato Zero è stato protagonista di tre concerti-evento all’Arena di Verona, show che hanno segnato l’atteso ritorno live del grande cantautore italiano, dove ha incantato gli oltre 36.000 spettatori con i suoi successi di sempre oltre a presentare, per la prima volta dal vivo, i nuovi brani contenuti nell’album “Alt”, accompagnato dalla sua band, dall’Orchestra Filarmonica della Franciacorta diretta dal Maestro Renato Serio e dai Neri Per Caso.

Il cantautore sceglie di ospitare sul palco i colleghi Elisa, Emma e Francesco Renga regalando al pubblico incontri e duetti inediti di profonda emozione e dietro le quinte, a telecamere accese, di raccontare se stesso e i suoi mille volti con la complicità degli amici e grandi attori italiani, Sergio Castellitto e Carlo Giuffré.

Unico, rivoluzionario, libero, Renato Zero è tornato, forte di rinnovata passione e spirito di denuncia, ai grandi temi sociali e alle battaglie civili. In prima linea da cinque decenni contro tutte le ipocrisie, innovatore, precursore, provocatore, attento come nessuno ad ogni tipo di minoranza e alla nostra interiorità. All’attivo 28 album in studio, 3 raccolte, più di cinquecento canzoni e 45 milioni di dischi venduti.

Ma ai trofei lui preferisce ancora la piazza, le sue accorate grida ed i suoi intimi sussurri. La fede, la violenza, i giovani, il lavoro, il destino dell’arte, l’amore nelle sue declinazioni, l’ecologia, le politiche d’accoglienza, i nuclei affettivi. Tanti temi trovano spazio in queste canzoni, che ancora una volta non leggono il giornale di oggi ma quello di domani, guardando avanti alle nuove generazioni con coraggio, spirito identitario e irriducibile speranza.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here