Home Articoli Valeria Solarino e Giulia Elettra Gorietti ospiti a Splendor

Valeria Solarino e Giulia Elettra Gorietti ospiti a Splendor

CONDIVIDI

primogiusto7654-manuale-d-amore-3-valeria-solarino

Sabato, alle 01:01 su Iris, andrà in onda il decimo appuntamento con “Splendor – Suoni e Visioni” condotto da Mario Sesti: un programma che si serve dell’attualità del cinema per spingersi oltre i suoi confini nel mondo dei video virali, della musica dei grandi talenti, addirittura nell’ossessione dello sport. Cosa ha a che vedere il cinema con il nuovo videogame di Matteo Corradini, la passione per la pallacanestro e il tennis di Valeria Solarino, l’ultimo video di Maccio Capatonda la cui stramba visione del lavoro del montatore ha fatto più di un milione e mezzo di visualizzazioni? In questa puntata, insomma, Mario Sesti si è circondato di personalità non convenzionali.

Valeria Solarino ha da poco terminato la tournée teatrale dello spettacolo “Una giornata particolare” che l’ha vista interpretare il ruolo che, nella versione cinematografica, fu di Sophia Loren. “È stata un’esperienza magica e non smetterò mai di ringraziare chi mi ha voluto sul quel palco”, ha dichiarato. Di solito tutti i personaggi che ha interpretato hanno sempre un animo controllato, come del resto è lei: “I ruoli che mi hanno affidato avevano sempre una natura razionale, quello che li accomuna è che sono personaggi profondi poco ‘fumantini’ o superficiali. Non ho mai dato vita a personaggi che cedono all’emozione”. Ci ha messo un po’ prima di capire di voler fare l’attrice: “Nella vita ho sempre avuto delle fisse – ha detto –, ad esempio giocavo a pallacanestro e in quegli anni non esisteva altro; poi ho iniziato Filosofia e null’altro aveva senso; infine, poi sono inciampata nella recitazione e ho capito che era quello che volevo fare per tutta la vita”.

Con Maccio Capatonda, Giulia Elettra Gorietti è protagonista di un video che in 48ore ha superato il milione e mezzo di visualizzazioni, generando clamore anche tra i giovani raccontando – in modo parodico – il mestiere del montatore. Lei però ha iniziato con Paolo Virzì che la volle in “Caterina va in città”: “Sono stata fortunata, la mia prima scena era con Margherita Buy e Sergio Castellitto, e la mia passione per il cinema l’ho scoperta per caso, quando mi hanno proposto questo film ero in Nazionale nella squadra di ginnastica artistica. Iniziare con Virzì è stato un ingresso che mi ha lasciato il segno”. Giulia Elettra Gorietti tornerà tra poco sul grande schermo in un film diretto da Dario Albertini.

A ricordare lo straordinario musicista Fausto Mesolella, chitarrista degli Avion Travel, Rita Marcotulli, pianista jazz dalla forte personalità ritmica: “Era una persona semplice dalla grande profondità, le sue melodie non erano mai banali. Schivo e mai estroverso, l’ho conosciuto quando con Peppe Servillo organizzammo un ricordo di Domenico Modugno. L’ho invitato spesso a suonare e siamo sempre rimasti molto legati”. In grado di passare da Pavarotti ai Pink Floyd, la Marcotulli ha raccontato della grande personalità di Mesolella: “Anche nel suo ultimo cd ‘Canto Stefano’ con i testi di Stefano Benni con la sua musica, si sente questa grande anima che non ci abbandonerà”.

Componente dei “The Pills”, collettivo di autori comici romani, Matteo Corradini è anche ideatore di un videogame molto particolare: “Con Davide Sacchetti abbiamo realizzato e sviluppato ‘Ray Bibbia’, un gioco in cui bisogna praticare un esorcismo, abbiamo voluto mantenere un’atmosfera pulp e in questo progetto ho messo tutte le mie passioni. Ma lo ammetto, amo più i video game che il cinema”. Secondo Corradini i videogiochi devono liberarsi dal cinema, “prima la subordinazione era molto chiara, perché il cinema era molto più articolato. Ora i games hanno raggiunto un’indipendenza e credo sia necessario che si continui su questa strada”.

Giulia-Elettra-Gorietti-620x372

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here