Home Articoli Ciak, si gira! “Il Peccato. Una visione”, kolossal d’autore di Andrei Konchalovsky,...

Ciak, si gira! “Il Peccato. Una visione”, kolossal d’autore di Andrei Konchalovsky, una dedica a Michelangelo

1034
0
CONDIVIDI

IL-PECCATO-UNA-VISIONE-Andrei-Konchalovsky-2017

Roma, 25 agosto 2017 – Dopo una lunga preparazione, inizieranno lunedì 28 agosto le riprese del film “Il Peccato. Una visione”, il kolossal d’autore che il maestro Andrei Konchalovsky dedica a Michelangelo, e che verrà girato interamente in Italia per 14 settimane. Prodotto dalla Fondazione Andrei Konchalovsky per il sostegno al Cinema e alle Arti Sceniche e Jean Vigo Italia con Rai Cinema, il film è una co-produzione russo-italiana che segna un passo importante nella collaborazione artistica fra i due paesi.

“La realizzazione di questo film che verrà interamente girato in italiano – spiega Elda Ferri, produttrice di Jean Vigo – ci consente di valorizzare la formula co-produttiva sotto il profilo dei contenuti e degli apporti artistici e tecnici. Questi lunghi mesi di preparazione, oltre a garantire la qualità artistica del film, hanno permesso un’integrazione culturale e commerciale tra i due paesi che riflette lo spirito delle co-produzioni cinematografiche internazionali”.

“È una grande operazione culturale, oltre che produttiva – aggiunge Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema che produce il film insieme a Jean Vigo – per noi è un onore lavorare con un maestro come Konchalovsky, che sceglie di dedicarsi al racconto di uno dei più grandi geni italiani della storia. Il nostro Paese e i nostri talenti riescono ad essere fonte di ispirazione artistica attraversando il tempo e le barriere geografiche”.

Il film verrà realizzato grazie ad un consistente contributo del Ministero della Cultura della Federazione Russa, della Fondazione di beneficenza per l’Arte, la Scienza e lo Sport e di Alisher Usmanov – produttore generale, insignito dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana – e con la partecipazione di Pervyj Kanal (Primo Canale, Russia).

Le riprese si svolgeranno fra la Toscana e il Lazio, nei luoghi di Michelangelo, a partire dal Monte Altissimo (cave Henraux), al Castello Malaspina di Massa e poi a Firenze, Arezzo, Montepulciano, Carrara, Bagno a Ripoli, Pienza, Monte Sansovino, Tarquinia, Caprarola, fra gli altri, e naturalmente Roma.

Il ruolo di Michelangelo è interpretato da Alberto Testone, mentre Umberto Orsini sarà il Marchese di Malaspina e Massimo De Francovich vestirà i panni di Papa Giulio II, ma per lo più il regista ha scelto di lavorare con attori non professionisti.

Andrei Konchalovsky, che è anche autore della sceneggiatura con Elena Kiseleva (“Paradise”), ripercorre alcuni dei momenti della vita di Michelangelo, fuori dai canoni del biopic vero e proprio, ma con l’idea della “visione”. Una scelta artistica che pur raccontando fedelmente il tempo – e infatti la produzione si è avvalsa della consulenza di alcuni fra i più qualificati esperti – consente di raccontare liberamente i fatti, con lo sguardo originale ed il talento immaginifico che connota le opere del grande regista, Leone d’Argento a Venezia nel 2016 con “Paradise” e nel 2014 con “Le notti bianche del postino”.

“Quello che vorrei trasmettere non è solo l’essenza della figura di Michelangelo, ma anche sapori e odori di quell’epoca carica di ispirazione e bellezza, ma anche di momenti sanguinosi e spietati – ha sottolineato Konchalovsky – E quello che mi ha spinto è stata la voglia di raccontare al mondo, e ai giovani di oggi che hanno la memoria corta, la grandezza della figura di Michelangelo”.

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here