Home Articoli Torna Cinevasioni, primo festival del cinema in carcere

Torna Cinevasioni, primo festival del cinema in carcere

CONDIVIDI

Dal 9 al 14 ottobre 2017 torna Cinevasioni, primo festival del cinema in carcere, in programma nella sala cinema della Casa Circondariale della Dozza di Bologna. Per il secondo anno consecutivo Cinevasioni porta la cultura del cinema all’interno della realtà del carcere e apre il carcere a registi, attori e critica.

Organizzato dall’Associazione Documentaristi Emilia – Romagna (D.E-R) in collaborazione con la Direzione della Casa Circondariale Dozza di Bologna e con il Ministero della Giustizia – Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, il festival è realizzato senza finanziamenti pubblici grazie al sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Gruppo Hera, Coop Alleanza 3.0 e Legacoop Bologna e con il supporto di Rai Cinema. Tra i nuovi partner c’è il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani gruppo Emilia Romagna/Marche, che curerà le presentazioni dei film in concorso.

Con una panoramica del miglior cinema italiano contemporaneo a partire dal 2016, la seconda edizione di Cinevasioni presenterà 10 opere, tra film di finzione e documentari, accompagnate e introdotte dai loro autori.

I detenuti che hanno partecipato al corso laboratorio CiakinCarcere saranno la giuria, presieduta dal regista teatrale e drammaturgo Paolo Billi. Al vincitore andrà la “Farfalla di ferro”, fabbricata nell’officina metalmeccanica F.i.d., all’interno della Dozza. Altra “Farfalla di ferro”, premio alla carriera assegnato dalla Direzione del festival, quest’anno andrà a Carlo Delle Piane, protagonista di uno dei film in concorso. Per lo stesso riconoscimento nella prima edizione era stata scelta Claudia Cardinale.

Con due proiezioni giornaliere, una alla mattina e una al pomeriggio, il festival sarà aperto al pubblico esterno. Ma non solo, questa seconda edizione che si presenta sotto lo slogan “Il Cinema fa scuola”, richiamerà nella stessa platea da 200 posti gli “studenti esterni” e “gli interni” della Dozza. Sono 250 gli iscritti ai vari corsi scolastici dell’area pedagogica. Tutti si alterneranno alle proiezioni, guarderanno i film, dialogheranno con i critici cinematografici che presenteranno le opere, si scambieranno impressioni, faranno domande agli autori.

Il festival si aprirà lunedì mattina 9 ottobre alle 9.00 con la proiezione fuori concorso di “Shalom! La musica viene da dentro – Viaggio nel Coro Papageno”, un film in cui lo stesso carcere è protagonista. Diretto da Enza Negroni, “Shalom!” è un documentario che entra nel progetto musicale del Coro Papageno, composto da una cinquantina di detenuti, nato da un’idea del Maestro Claudio Abbado.

Per Cinevasioni evento speciale anche in chiusura: sabato 14 ottobre ore 9.30 il film fuori concorso “Gatta Cenerentola”, animata versione noir e favola moderna creata dai registi Alessandro RakIvan CappielloMarino Guarnieri e Dario Sansone, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. Una prima visione dunque, ancora nella normale programmazione delle sale “fuori”. E questo vuole anche creare Cinevasioni: l’apertura di una nuova sala a Bologna. Insieme alla Direzione del Carcere e a sostenitori privati, la Direzione del festival sta progettando una programmazione regolare durante tutto l’anno. Una “sala come le altre”, uno spazio di cultura e di dignità in carcere.

Infine torna la collaborazione con gli studenti del corso di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale (CITEM) dell’Università di Bologna che, coordinati dal giornalista Rai Franz Giordano, documenteranno il festival, la sua atmosfera e curiosità, pubblicando i resoconti anche in diretta sulle piattaforme social del festival (Facebook, Twitter) e nel blog del sito del CITEM.

Per maggiori informazioni: www.cinevasioni.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here