Home Articoli Boom per “Skam Italia”, la serie tv diventata un cult tra i...

Boom per “Skam Italia”, la serie tv diventata un cult tra i teenager

1138
0
CONDIVIDI

Debutto record per “Skam Italia”, l’adattamento della serie norvegese che ha ridefinito gli standard dei contenuti per i teenager, raccogliendo un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo, diventando un cult internazionale.

La prima produzione originale di TIMvision ha debuttato oggi con la prima pillola di 4 minuti e 40 secondi entrando subito in trend topic su Twitter. L’hashtag ufficiale #SkamItalia è balzato subito in tendenza, occupando la prima posizione e diventando l’argomento più discusso in rete per l’intero pomeriggio (con la maggior parte delle interazioni provenienti da under 24).

Skam, che in norvegese significa “vergogna”, si presenta come una serie unica nel suo genere, capace di vivere in simbiosi con i social network: i due protagonisti hanno un proprio account Instagram (@evabrighi e @garau.giogio), raccontano la propria vita con post, foto, video e stories giorno dopo giorno, in tempo reale.

A partire da oggi le pillole verranno pubblicate quotidianamente su skamitalia.timvision.it, a cui sarà possibile accedere gratuitamente e senza nessun tipo di abbonamento necessario, oltre che sulla piattaforma TIMvision: le mini-clip inedite racconteranno la vita e le esperienze dei protagonisti, oltre a contenuti aggiuntivi come selfie, foto, chat.

Per non perdere nemmeno una clip e conoscere l’orario in cui verranno pubblicati questi estratti basterà seguire il canale WhatsApp di “Skam Italia” (il cui numero è disponibile sul sito ufficiale). Le varie clip rilasciate nel corso della settimana andranno poi a comporre un intero episodio settimanale, che resterà sempre disponibile per la visione. Il primo episodio completo sarà disponibile dal 29 marzo.

La serie ha ottenuto un successo globale: il format originariamente prodotto in Norvegia da NRK, verrà adattato in diversi Paesi tra cui Francia, Germania, Spagna, Olanda, e anche negli USA dove si chiamerà “Shame”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here