Home Articoli Ciak, si gira! “Come se non ci fosse un domani” con il duo...

Ciak, si gira! “Come se non ci fosse un domani” con il duo comico Pino e gli Anticorpi

CONDIVIDI

Inizieranno il 24 settembre a Sassari le riprese del film “Come se non ci fosse un domani” del regista Igor Biddau, con protagonisti Michele Manca e Stefano Manca del duo comico Pino e gli Anticorpi.

“Come se non ci fosse un domani” è un film comico indipendente a episodi prodotto dalla Babbudoiu Corporation in associazione con Firenze Produzioni Cinematografiche e Pilot Kino.

Del cast farà parte una nutrita schiera di attori sardi come Massimiliano Medda Francesca “Chicca” Zara che si affiancheranno nei vari episodi ai nazionali Eva Grimaldi, Rossella Brescia, Giovanni CacioppoRita PelusioFrancesco Malcom, Gaetano Gennai, Roberta Pedrelli Gianluca Impastato. Saranno inoltre presenti attori internazionali come Tim Daish e l’attrice russa Marina Kazankova.

La sceneggiatura è firmata da Nicola Alvau, Michele Manca e Stefano Manca; il produttore esecutivo è Paolo Maria Spina.

Le riprese si concluderanno entro la fine del 2018 e l’uscita nelle sale è prevista per il 2019.

Per la distribuzione sono stati già siglati dei preaccordi con la CG Entertainment Creative Services per l’Italia, un contratto con Pilot Kino per la Russia e con Adler Entertainment per gli Stati Uniti. Il progetto ha il sostegno della Sardegna Film Commission, di Sardex e di una serie di istituzioni e aziende sarde.

“Come se non ci fosse un domani” racconta in chiave comica le varie sfaccettature di chi si trova ad avere la sensazione di non avere più un futuro. L’idea di fondo del film è quella di descrivere uno spaccato sociale contemporaneo della vita in Sardegna mettendolo in relazione con l’omologo italiano e del resto del mondo occidentale. Rendendo così l’operazione ascrivibile al genere “glocal” visto che il tutto viene narrato dal punto di vista privilegiato di un’isola del Mediterraneo: periferia dell’Europa per gran parte dell’anno e centro del mondo durante i mesi estivi.

Nei diversi episodi che compongono il film, la mancanza di prospettive lavorative, affettive ed esistenziali obbligherà i protagonisti a tentare il tutto per tutto per provare disperatamente a ribaltare le carte in tavola e li porterà a confrontarsi con situazioni paradossali: tragiche per loro che le vivono, ma ridicole per quelli che le osservano. Il tutto in un crescendo di difficoltà che porterà all’inevitabile fallimento.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here