Home Articoli Ciak, si gira! “Il Ladro di Giorni” di Guido Lombardi con Scamarcio,...

Ciak, si gira! “Il Ladro di Giorni” di Guido Lombardi con Scamarcio, Popolizio e il piccolo Zazzaro

CONDIVIDI

Sono iniziate a fine agosto in Trentino le riprese del film “Il Ladro di Giorni” per la regia di Guido Lombardi, già vincitore nel 2011 del Leone del Futuro – Premio Venezia opera prima “Luigi De Laurentiis” con “Là-bas – Educazione Criminale”.

Nel cast, accanto a Riccardo Scamarcio nel ruolo del protagonista, Massimo Popolizio e il piccolo Augusto Zazzaro al suo debutto in un lungometraggio.

Scritto da Guido Lombardi, Luca De Benedittis e Marco Gianfreda, il film è l’adattamento di una sceneggiatura che ha ricevuto nel 2007 il “Premio Solinas – Storie per il cinema”.

“Il Ladro di Giorni” racconta la storia di Salvo (Augusto Zazzaro) che ha circa cinque anni quando suo padre Vincenzo (Riccardo Scamarcio) scompare, portato via da due carabinieri. Alcuni anni dopo, una volta uscito di prigione, Vincenzo torna a riprendersi suo figlio che nel frattempo è andato a vivere in Trentino dagli zii. Padre e figlio quasi non si riconoscono, e, come due estranei, si mettono in macchina verso il sud d’Italia, dove Vincenzo ha una missione da compiere. Sarà il tempo del viaggio a metterli di fronte alla verità del loro rapporto e di cosa sono l’uno per l’altro.

Guido Lombardi dichiara: “Ogni regista ha una storia nel cassetto che sogna di realizzare perché più di altre racconta la sua idea di cinema. La prima idea de ‘Il Ladro di Giorni’ risale ormai a dieci anni fa e sono contento che stia diventando un film adesso, e non prima. Perché è una storia complessa, che usa il genere per raccontare uno dei rapporti più cruciali nella crescita di un bambino, quello con il proprio padre. Per il piccolo Salvo, Vincenzo è uno sconosciuto. E come Vincenzo ricostruisce il proprio passato alla ricerca dell’uomo che lo ha incastrato sette anni prima mandandolo in prigione, così Salvo scopre chi è e chi è stato veramente l’uomo che lo prendeva in braccio da piccolo chiedendogli un bacio. E quando saranno di nuovo padre e figlio l’uno per l’altro, torneranno di nuovo a decidere del proprio destino”.

“Il Ladro di Giorni”, film on-the-road lungo tutta la penisola: dal Trentino (Trento e Riva del Garda) attraverso il Cilento (Marina di Camerota) e fino alla Puglia (Bari e Gravina).

Prodotto da Nicola Giuliano, Francesca Cima e Carlotta Calori per Indigo Film e da Gaetano Di Vaio per Bronx Film con il sostegno di Trentino Film CommissionFilm Commission Regione Campania e Apulia Film Commission.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here