Home Articoli Willem Dafoe: “Non conosco la tv, preferisco guardare film”

Willem Dafoe: “Non conosco la tv, preferisco guardare film”

CONDIVIDI
L’attore sarà al Festival di Cannes con il fantasy horror “The Lighthouse” di Robert Eggers con Robert Pattinson e “Tommaso” di Abel Ferrara

Con le sue espressività, il volto di Willem Dafoe è inconfondibile dai tempi di “Plotone” e “L’ultima tentazione di Cristo”. Tuttavia, con ruoli di supporto più recenti in film come “Spider-Man” e “Aquaman”, l’attore ha notato una risposta diversa quando le persone lo riconoscono in pubblico.

“A volte incontro persone che mi dicono: ‘Non fai più film?’ – ha raccontato l’attore a IndieWire – È imbarazzante. Ti guardano come, ‘Povero ragazzo! Non sta succedendo più niente per te’… Quando cambio tra questi diversi tipi di film, con diverse ambizioni e risorse, parte del mio lavoro è trovare la mia relazione con esso. Devo fare in modo che significhi qualcosa per me… Sono sempre scioccato quando le persone non sanno che ho fatto tanto teatro. Tutta la mia vita è stata a teatro”.

In verità, i film accadono per Willem Dafoe più velocemente che mai. Questo straordinario attore non smette quasi mai di funzionare, ottenendo quattro nomination all’Oscar (due negli ultimi tre anni, per “The Florida Project” e “At Eternity’s Gate”). Ma affronta così tanti progetti diversi, che vanno dagli universi dei supereroi ai biopic microbudget come “Pasolini” di Abel Ferrara. Con un’etica del lavoro instancabile e una duttilità senza pari, è uno degli attori americani più avventurosi che lavorano oggi.

Basti pensare che quest’anno al Festival di Cannes, Dafoe sarà presente in “The Lighthouse”fantasy horror in bianco e nero diretto da Robert Eggers (“The Witch”), con Robert Pattinson, e in “Tommaso”, la storia intima di un uomo più anziano che fugge dall’America per l’Italia, diretto dall’amico di lunga data Abel Ferrara.

Willem Dafoe ha anche raccontato che preferirebbe correre un rischio con un visionario come Abel Ferrara – o il regista Lars Von Trier – che seguire la via più sicura della televisione.

“Non intendo essere uno snob – ha detto – Non conosco la tv, e ci sono solo tante ore al giorno, ma preferisco guardare film. Quelle poche volte che ho letto sceneggiature per progetti televisivi o anche guardato alcune di queste serie, ho scoperto che non sono tanto attratto dalla forma lunga”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here