Home Articoli Scarlett Johansson: “Ho grande ammirazione per la comunità LGBTQ, l’arte dovrebbe essere...

Scarlett Johansson: “Ho grande ammirazione per la comunità LGBTQ, l’arte dovrebbe essere libera”

CONDIVIDI
L’attrice è tornata a parlare a un anno dalle polemiche che l’hanno costretta a lasciare il ruolo di un boss transgender

Scarlett Johansson, circa un anno fa, era finita nel mirino delle comunità LGBTQ perché “colpevole” di aver accettato nel film “Rub & Tug” il ruolo di Dante “Tex” Gill, un boss transgender diventato famigerato negli anni ’70 a Pittsburgh per aver gestito saloni di massaggio che fungevano da fronti per la prostituzione. Il progetto, che Johansson stava sviluppando con il regista Rupert Sanders, è stato fortemente criticato dalla comunità LGBTQ. A causa di queste polemiche, l’attrice lasciò il ruolo.

Durante una delle sue ultime interviste, Scarlett Johansson ha rivelato di essere ancora un po’ seccata per la polemica sul casting che circonda “Rub & Tug”.

“Come attrice, dovrei essere in grado di interpretare qualsiasi persona, albero o animale, perché il mio lavoro è questo ed è ciò che mi richiede – ha spiegato Scarlett Johansson – Sento che nel mio settore ci sia una sorta di politicamente corretto, anche dettato da motivi sociali, ma che tuttavia diventa limitante per l’arte, la quale non dovrebbe avere nessun tipo di restrizione. Io credo che la società sarebbe più unita a livello umano, se permettessimo ad ognuno di esprimere i propri sentimenti, senza la necessità che tutti si sentano uguali ai personaggi”.

L’attrice, nonostante le critiche ricevute, ha speso parole di rispetto nei confronti della comunità LGBTQ: “La nostra comprensione sul mondo e la cultura LGBTQ sta avanzando, ho grande ammirazione e affetto per tutte le comunità e sono felice che ad Hollywood si stia continuando a porsi il problema di rappresentarle”.

Scarlett Johansson ha anche affrontato problemi di casting in passato, attirando critiche diffuse per la sua parte ottenuta nell’adattamento cinematografico del 2016 dell’anime giapponese “Ghost in the Shell”. I fan dell’anime sostenevano che per il ruolo avrebbero dovuto scegliere un attore giapponese.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here