Home Eventi Corti d’Argento & Cortinametraggio 2013: a “Il turno di notte lo fanno...

Corti d’Argento & Cortinametraggio 2013: a “Il turno di notte lo fanno le stelle” il premio speciale SNGCI

413
0
CONDIVIDI

Il film di Edoardo Ponti, scritto da Erri De Luca, è interpretato da Nastassja Kinski ed Enrico Lo Verso ritira il Premio a Cortina. Per “Babylon fast food” di Alessandro Valori la menzione speciale assegnata dai giornalisti insieme ad ANG, l’Agenzia Nazionale per i Giovani. 

Cortina d’Ampezzo 15 marzo 2013 – “Il turno di notte lo fanno le stelle” è il cortometraggio vincitore del Premio Speciale che i giornalisti cinematografici consegnano domani sera a Cortina, nella serata finale di Cortinametraggio di cui il SNGCI è quest’anno ancora una volta partner.

Interpretato da Nastassja Kinski, Enrico Lo Verso e Julian Sands, il film diretto da Edoardo Ponti è stato scritto da Erri De Luca. Questa la motivazione del Direttivo Nazionale del Sindacato Nazionale dei Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI): “Per l’emozione e il professionismo che trasmette agli spettatori raccontando con delicatezza, anche introspettiva, una scalata che ha il sapore di una sfida personale e umana con la montagna e con la vita. In un film senza effetti speciali, la scommessa di un’antica promessa e insieme una storia di sopravvivenza, anche fisica, sempre sul filo della tensione e sull’orlo di un precipizio anche simbolico”.

“Il turno di notte lo fanno le stelle” è stato presentato all’ultimo Festival Internazionale del Film di Roma e racconta di un uomo solitario, Matteo (Enrico Lo Verso), e una donna sposata, Sonia (Nastassja Kinski), alle prese con una parete delle Dolomiti. Lui ha appena affrontato un trapianto di cuore, lei un’operazione a cuore aperto. Si sono promessi quella scalata nei giorni di attesa in corsia. Mark (Julian Sands), il marito di Sonia, è preoccupato dall’impresa ma anche dalla particolare complicità tra Sonia e Matteo. Ma nella loro scalata c’è un traguardo possibile: il punto di partenza per la vita ritrovata.
Il film di Edoardo Ponti è stato segnalato dal SNGCI, oltre la selezione ufficiale dei più giovani cortisti che hanno lavorato senza mezzi né budget significativi, per la sua qualità anche internazionale: è entrato infatti anche nella short list dei migliori cortometraggi in corsa per l’Oscar. Uscito in homevideo con Feltrinelli (Le Nuvole) è stato prodotto da Silvia Bizio e Paola Porrini Bisson per Oh!pen, in coproduzione con Garofalo, Donkadillo Films e con Trentino Film Commission e Trentino marketing.

Domani sera, con il premio, sarà consegnata anche la menzione speciale dei giornalisti cinematografici per “Babylon fast food” di Alessandro Valori, il corto interpretato dal giovane Amin Nour “che affronta con leggerezza il tema del pregiudizio e le difficoltà per ragazzi figli di immigrati, come realmente Amin è nella vita, di sentirsi cittadini italiani e europei nella società multirazziale”. Così si legge nella motivazione del SNGCI, che ha assegnato questo premio d’intesa con l’ANG, Agenzia Nazionale per i Giovani, partner del Sindacato, anche per il 2013, nel progetto La fabbrica dei talenti dedicato a valorizzare le professionalità più giovani, nel cinema e nel giornalismo cinematografico. La giuria dei Corti d’Argento ha scelto “Babylon fast food” perché tra i corti selezionati per i premi di quest’anno è il film che più risponde ad uno dei temi più sentiti, generalmente, nel melting pot sempre più diffuso nel Paesi europei: quello di sentirsi “in patria”, cittadini del mondo, e non immigrati precari e “fuori posto” come spesso accade, non solo in Italia.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here