Home Eventi Al SalinaDocFest vince il doc del collettivo ZimmerFrei

Al SalinaDocFest vince il doc del collettivo ZimmerFrei

CONDIVIDI

ZimmerFrei-5665Salina (ME), 27 Settembre 2014 – L’ottava edizione del SalinaDocFest, si chiude con l’assegnazione del Premio Tasca d’Almerita per il miglior documentario in concorso al film “La beauté c’est ta tête” (Francia/Italia, 2013, 60’), firmato dal collettivo ZimmerFrei (Massimo Carozzi, Anna De Manincor, Anna Rispoli) nato a Bologna nel 2000. La loro complessa pratica si situa tra cinema, teatro, musica e performance. Mescolando diversi linguaggi, il Gruppo produce suoni caleidoscopici e opere visive che indagano ambienti urbani reali e immaginari, dove la mente e il fisico si fondono in una coerente narrazione dell’esperienza umana. “La beauté c’est ta tête” appartiene alla serie “Temporary Cities”, un ciclo di documentari che racconta di luoghi molto circoscritti e zone in cui è in corso una trasformazione urbana, sociale e culturale (fanno parte della serie LKN Confidential, Bruxelles, The Hill, Copenaghen, Temporary 8th, Budapest e Hometown | Mutonia).

La giuria, composta da Cristina Piccino, Pasquale Elia, Gabriella Gallozzi, Wilma Labate e Edoardo Winspeare, ha deciso di assegnare una Menzione Speciale al film “The Show Mas Go On” di Rä Di Martino (Italia, 2014, 30′) con Sandra Ceccarelli, Iaia Forte, Maya Sansa e Filippo Timi. Altra Menzione speciale al film “La malattia del desiderio” di Claudia Brignone (Italia, 2014, 57’), che vince anche il Premio Signum come documentario più votato dal pubblico.

Il Premio Malvasia per il video contest “Isolani sì, isolati no! (assegnato dalla giuria composta da Letizia Airos, Ivo Basile, Flavio Natalia, Ugo Parodi e Alberto Tasca) va al cortometraggio “In città sei un numero” di Salvatore Tuccio. Menzione Speciale giuria a Gianfranco Taranto e Marco Miuccio. Menzione speciale SDF a Sally D’Albora per “Marinareddu”.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here