Home Eventi L’Italia protagonista a Pechino con Taviani, Olmi e Placido in concorso

L’Italia protagonista a Pechino con Taviani, Olmi e Placido in concorso

CONDIVIDI

pp-767676-Michele-Placido-set-il-cecchino-Le-Guetteur-6655

Beijing, 10 Aprile 2015 – Con tre titoli in Selezione Ufficiale, il cinema italiano sarà uno dei protagonisti assoluti della quinta edizione del Festival Internazionale del Film di Pechino, che aprirà il prossimo giovedì 16 Aprile e si concluderà la sera di giovedì 23.

“Meraviglioso Boccaccio” di Paolo e Vittorio Taviani è stato scelto come film di apertura. Il nuovo lavoro dei due maestri‎ verrà presentato in prima internazionale al pubblico dagli autori e da due degli interpreti, Jasmine Trinca e Lello Arena: la proiezione pechinese segnerà anche il lancio del film sul mercato cinese. “Meraviglioso Boccaccio” sarà infatti distribuito a inizio estate in più di mille copie dal distributore indipendente New Film Association.

“La scelta” di Michele Placido è il film italiano selezionato per il Concorso Internazionale (15 film da 14 paesi – tutti in prima mondiale o internazionale). Anche per il nuovo lavoro di Placido, tratto da un dramma di Luigi Pirandello (un autore molto tradotto e molto amato in Cina) c’è un grande interesse da parte dei distributori locali. La protagonista del film Ambra Angiolini sarà a Pechino insieme al regista e alla produttrice Federica Vincenti.

Una Proiezione Speciale di “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi coronerà le presentazioni di cinema italiano della Selezione Ufficiale.

Marco Müller, alla sua prima esperienza come responsabile del programma internazionale, ha così commentato le selezioni: “Il Festival di Pechino continua a crescere. Grazie al sostegno di registi, produttori‎ e esportatori è stato possibile mettere assieme, per la prima volta, una Selezione Ufficiale fatta tutta di anteprime mondiali o internazionali, che alterna ai maestri e ai nomi già confermati del cinema occidentale la scoperta di nuovi autori dal Sud e dall’Est del mondo. Sono particolarmente felice che anche dall’Italia tanto gli artisti che l’industria abbiano deciso di scommettere sul rinnovato evento pechinese”.​

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here