Home Eventi Il futuro del Premio Monicelli, fino a fine estate nel segno del...

Il futuro del Premio Monicelli, fino a fine estate nel segno del grande maestro

CONDIVIDI

4774-Mario-Monicelli

Mario Sesti, il curatore, insieme a Chiara Rapaccini, compagna del regista, e a Loriano Valentini, presidente della Fondazione Grosseto Cultura, hanno progettato insieme una articolazione interna del Premio Mario Monicelli che arriverà fino alla fine dell’estate: un Premio Monicelli – Libero Pensiero, una rassegna Grosseto Web Series e un evento dedicato alla Street Art, che si aggiungono al Premio Monicelli alla commedia.

“Si tratta anche di un modo nuovo e diverso di ideare e praticare qualcosa come un ‘premio’ – dice Mario Sesti – ma allo stesso tempo vogliamo cercare di rendere conto della ricchezza di senso del nome che porta, legato ad un autore che ha alimentato e celebrato la commedia, ha sempre mostrato una sensibilità non comune per il nuovo nel linguaggio e negli autori ed ha sempre esercitato la libertà del pensiero contro l’ uniformità delle opinioni e l’ ingiustizia sociale”.

La prima parte del Premio Mario Monicelli prende il via il prossimo 28 maggio con “Web Series” a cura di Jacopo Mosca e Gabriele Niola.

Un’iniziativa che il Premio Monicelli intende realizzare per scoprire l’universo ancora sconosciuto di chi si è da poco messo in luce con il nuovo linguaggio del web per scoprire nuove soggettività, stili di rappresentazione e racconto, con un occhio più ravvicinato al territorio, quello della Maremma, che Mario Monicelli ha vissuto e amato. Si potranno vedere in rassegna le opere migliori degli autori più seguiti e amati del web.

Gli appuntamenti il 28, 29 e 30 maggio alle 21.00 al The Space Cinema Grosseto di Grosseto.

Il 28 maggio si parte con I Licaoni, un’istituzione della produzione per la rete, tra i primi in assoluto a cominciare a mostrare le loro serie, sono diventati noti con “Il corso di cazzotti del dr. Johnson” e recentemente hanno prodotto “Elba – L’eredità di Napoleone” che è stata distribuita anche dal portale Ray della Rai. Tra i molti hanno lanciato Guglielmo Favilla e Alba Rohrwacher. Il 29 maggio è la volta di Edoardo Ferrario, nato come stand up commedia, che ha fatto una lunghissima gavetta nei teatri romani, partecipando anche ad alcune trasmissioni televisive su La7 con le sue imitazioni. Il vero successo è arrivato con “Esami – La webserie” (in cui interpreta quasi tutti i personaggi). Attualmente sta preparando una serie di sketch tv con i suoi personaggi per la Rai. Il 30 maggio arrivano a Grosseto i The Phills: scrivono, dirigono e recitano tutto quel che fanno; hanno girato due stagioni online, poi hanno esordito in tv su Italia 2 e hanno scritto una serie per la Rai (“Zio Gianni”) trasmessa su Rai 2. Attualmente stanno girando il loro primo film per il cinema prodotto da Taodue. Subito dopo i The Phills, arriva Nicolò Flasetti autore di “Saturday Night Fathers”, una webserie distribuita da Corriere.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here