Home Eventi L’Isola del Cinema come Factory, nasce il Cinema Inventato

L’Isola del Cinema come Factory, nasce il Cinema Inventato

587
0
CONDIVIDI

L-ISOLA-DEL-CINEMA-ROMA-2015

C’è movimento di idee a L’Isola del Cinema (Isola Tiberina, Roma): in occasione dell’anno mondiale della Luce promosso dall’Unesco, che L’Isola ha festeggiato ricordando i Fratelli Lumière, L’Isola del Cinema diventa laboratorio creativo e promuove il Cinema Inventato: una call diretta ai talenti del cinema italiano, autori del cinema contemporaneo che sono stati invitati a partecipare ad una sorta di film collettivo ad episodi, costruito di cortometraggi.

Assieme a Mamma Roma e i suoi quartieri, questa de il Cinema Inventato è una delle iniziative volute espressamente nell’ottica del Laboratorio: L’Isola del Cinema, insomma, come salotto dove gli artisti si incontrano e dove è possibile, anche per il pubblico, incontrare gli artisti stessi; ma soprattutto centro propulsivo di idee e di creatività. Nella convinzione che il Cinema sia effettivamente il linguaggio della civiltà di oggi e di domani.

Sono stati invitati a partecipare a questa coraggiosa e intrigante opera collettiva, fra gli altri: Aureliano Amadei, Laura Bispuri, Marco Chiarini, Claudio Noce, Stefano Chiodini, Lino Damiani, Antonella Cecora, Eleonora Danco, Libero Di Rienzo, Alessandro Haber, Stefano Ladini, Davide Marengo, Vinicio Marchioni, Pietro Marcello, Valerio Mastandrea, Francesco Montanari, Roberto Palmari, Nicola Ragone con la fotografia di Daniele Cipri, Paola Randi, Edo Tagliavini, Toni Trupia, Tonino Zangardi.

Tutti i corti saranno presentati a L’Isola del Cinema presso l’Arena Groupama a partire dal 1° settembre 2015. Da tutti questi lavori, successivamente, verrà realizzato un lungometraggio che sarà protagonista di una proiezione speciale il 28 dicembre 2015, esattamente 120 anni dopo la “prima proiezione”. Il film vedrà il montaggio del canadese Nicolas Martre, giovane professionista giunto su l’Isola direttamente da Montréal per confrontarsi con i mestieri del cinema.

Ad ogni regista sono stati consegnati 120 metri di pellicola (ideale per chi, ovviamente tutti, ha scelto il digitale) e l’attrezzatura tecnica per realizzare un corto.

Poche ma fondamentali le regole del gioco: ogni autore avrà a disposizione per girare solo una giornata di 8 ore, a tutti sarà data la stessa macchina, ovvero una Arriflex SR3; tutti i film potranno utilizzare solo la luce naturale ed avranno a tal scopo a disposizione un Direttore di Fotografia; e il montaggio dovrà essere “in macchina”, non ci sarà cioè ulteriore montaggio in post-produzione. Soprattutto tutti i film sono stati e saranno girati sull’Isola Tiberina, nel corso delle giornate de L’Isola del Cinema. Una particolarità: tutti i corti saranno muti e saranno presentati negli ultimi giorni del Festival all’Arena Groupama accompagnati dalla musica dal vivo, esattamente come per il cinema degli esordi. Il backstage di ciascun corto sarà realizzato da Nicolas Martre che documenterà la complessa preparazione di lavori in cui, proprio perché realizzati in un solo giorno, vale la regola del “buona la prima”.

Il progetto è realizzato da un’idea di Giorgio Ginori, Direttore Artistico de L’Isola del Cinema, grazie alla produzione di Maiora Film e all’organizzazione di Motoproduzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here