Home Eventi “Vangelo” alle Giornate degli Autori, la SIAE premia la provocazione di Pippo...

“Vangelo” alle Giornate degli Autori, la SIAE premia la provocazione di Pippo Delbono

CONDIVIDI

Giornate degli Autori – Venice Days, il programma di giovedì 8 settembre

VANGELO-3983

C’è una provocazione vitale e potente nel nuovo film di Pippo Delbono che le Giornate degli Autori presentano domani, giovedì 8 settembre, come evento speciale. “Vangelo” non è un film come un altro, nasce da un’esigenza umana e profonda del suo autore che si mette in gioco ben oltre quanto lascia vedere nelle sue immagini, segue passo passo la scoperta, il dialogo, la vita comune di Pippo Delbono e della comunità di rifugiati che è andato a cercare sulla via di un percorso interiore molto poco esibito.

“La notizia che nel quadro dei film italiani della nostra selezione – dice il direttore delle Giornate, Giorgio Gosetti – la SIAE abbia voluto segnalare con il suo premio annuale proprio il nuovo lavoro di Pippo Delbono ci sembra un giusto coronamento per una ricerca che quest’anno ci ha portati a esplorare territori nuovi: dall’opera prima di La ragazza del mondo al realismo magico di ‘Indivisibili’, dall’operetta morale di Giorgio Pressburger e Mauro Caputo al viaggio verso la Cina di Caffè, fino al ritratto documentario di Ombre dal fondo di Paola Piacenza. In questo itinerario Vangelo ha un posto speciale per lo spessore intellettuale e morale messo in scena, ma anche per l’ardito incrocio dei linguaggi, la sperimentazione visiva, l’attenzione alla musica, alla parola, alla messa in scena”.

Anche per questo, al termine della proiezione, l’appuntamento è alla Villa degli Autori a mezzanotte per un incontro a sorpresa di chiacchiere, musica, pensieri, con un inedito Pippo Delbono e i suoi magnifici protagonisti. (Ingresso libero)

Il penultimo film in concorso per il Venice Days Award (20.000 euro da dividere tra il premio al regista e la promozione garantita dal venditore internazionale) è lo svedese “Sameblood” di Amanda Kernell che prosegue la felice rivoluzione “al femminile” sancita quest’anno dal programma delle Giornate e schiude una pagina rimossa della storia recente scandinava: il vero e proprio genocidio culturale della minoranza lappone.

Infine due eventi altrettanto speciali della giornata: la collaborazione con la Mostra che permette di far debuttare a Venezia il “docu thriller” di Enrico Caria “L’uomo che non cambiò la storia”, realizzato grazie all’archivio storico di Istituto Luce Cinecittà, sorprendente esempio di un cinema documentario che si muove liberamente tra provocazione storica e ricerca espressiva e l’autentica festa alla Villa degli Autori per la nuova “follia” di Gianluca Arcopinto. Con un libro, “Controvento”, un assaggio del film sui bimbi “Il calcio è bello se la passi”, sempre presentato dal collettivo Mina. Il produttore più indipendente del nostro cinema conferma la sua passione per lo sport come formazione di vita e occasione di libertà. Ospiti d’onore Giosuè e Davide, i due giovanissimi protagonisti del film e del libro.

_______________________________________________________________________

Le Giornate degli Autori – Venice Days sono una sezione indipendente della 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, promossa da ANAC e 100autori. Main Sponsor: Direzione Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, BNL Gruppo BNP Paribas. Creative Partner: Miu Miu. Partner: SIAE, Sub-ti, Premio Lux del Parlamento Europeo. Partner Tecnici: Frame by Frame, I-Club, L’Eco della Stampa, Europa Cinemas, Cinecittà News, Cineuropa.

Per maggiori informazioni: www.venice-days.com

_______________________________________________________________________

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here