Home Eventi CiakPolska, domani si celebra Quo Vadis?

CiakPolska, domani si celebra Quo Vadis?

CONDIVIDI

quo-vadis-21

Inizia domani, lunedì 14 novembre, nell’ambito di CiakPolska – il festival di cinema polacco – il convegno internazionale Quo Vadis: ispirazioni, contesti ricezione. Henryk Sienkiewicz e sue visioni di Roma Antica, a cura di Monika Wozniak. Alla Casa del Cinema dalle 9.30 alle 18.00 e martedì 15 dalle 9.30 alle 17.00 presso l’Istituto Polacco di Roma. Moltissimi gli studiosi provenienti dalla Polonia, Inghilterra, Germania, Olanda, Stati Uniti, Italia, Israele e Cipro che illustreranno come Quo Vadis da caso letterario è diventato un fenomeno della Cultura di massa.

Quando nel 1895 Henryk Sienkiewicz cominciava a pubblicare a puntate il suo nuovo romanzo, ambientato nell’antica Roma ai tempi di Nerone, nessuno, neppure lo stesso autore, avrebbe potuto prevedere il vertiginoso successo planetario del Quo vadis?Tradotto in pochi anni in 31 lingue, venduto in milioni di copie, il romanzo avrebbe trasformato Sienkiewicz nello scrittore più letto nel mondo all’inizio del Novecento e gli avrebbe fruttato il Premio Nobel per la Letteratura nel 1905.

Ben presto il suo successo avrebbe scavalcato i confini della letteratura, sboccando in innumerevoli adattamenti teatrali, musicali e perfino spettacoli di circo, ma soprattutto diventando l’ispirazione per la nascente arte cinematografica: infatti Quo vadis? di Enrico Guazzoni del 1912 divenne il primo colossal storico della storia del cinema, seguito da un altro grande film muto del 1924 di D’Annunzio e Jacoby e più tardi dal Quo vadis di Mervyn LeRoy del 1951, che avrebbe lanciato la moda per il genere “peplum” negli anni Cinquanta, il film hollywoodiano sì, ma girato interamente a Cinecittà, in Italia. E infatti proprio in Italia il fenomeno della “quovadisomania” assunse la dimensione maggiore, con una miriade di ispirazioni, influenze e applicazioni più variegate, dalle sculture e dipinti alle cartoline e calendarietti del barbiere, dai sonetti in romanesco ai fumetti e fotoromanzi, dalle rappresentazioni teatrali e oratori sacri, alle pubblicità di calze e di creme rigeneranti.

Nei testi raccolti in questo volume esperti italiani e polacchi, ma anche americani, inglesi e tedeschi svelano la storia e i segreti del Quo vadis? letterario e cinematografico, raccontano i fatti più mirabolanti del successo di questa opera “multimediale” ante litteram e delineano un itinerario nei luoghi dell’antica Roma descritta da Sienkiewicz.

Info festival: www.istitutupolacco.it

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here