Home Eventi Suona Ancora per la Giornata della Memoria

Suona Ancora per la Giornata della Memoria

CONDIVIDI

suona-ancora-2982

In occasione della proiezione per le scuole – lunedì 16 gennaio 2017 alle ore 9.30 presso il Cinema Barberini di Roma (Piazza Barberini 24/26) – del film documentario “Suona Ancora”, scritto da Israel Cesare Moscati e diretto da Beppe Tufarulo, sarà presentato il progetto memoria per le scuole del Lazio “Il nostro passato appartiene al nostro futuro”. Saranno presenti Paolo Del Brocco, amministratore delegato Rai Cinema, e Paola Malanga, vicedirettore Rai Cinema.

Numerose le proiezioni del documentario in cui sono attesi più di 5.000 studenti tra gennaio e febbraio 2017: tra queste, in occasione della Giornata della Memoria, venerdì 27 gennaio, si segnala quella all’Uci Cinemas Parco Leonardo di Roma, alla presenza di Nicola Claudio (Presidente Rai Cinema) e Paola Malanga (vicedirettore Rai Cinema). Alle proiezioni porteranno la propria testimonianza Sami Modiano e Piero Terracina, sopravvissuti ad Auschwitz; Mario Mieli e Lello Di Neris, “figli della Shoah” che hanno preso parte al documentario, e Giuseppe Calò, “figlio della Shoah” che ha preso parte al documentario “I Figli della Shoah”.

Il progetto, a cura di Clipper Media in collaborazione con Rai Cinema e realizzato da Israel Cesare Moscati, è rivolto a 1.000 studenti appartenenti a 20 scuole della Regione Lazio e affronta il tema del periodo successivo alla Shoah: il dramma, il dolore e la vittimizzazione dei figli e nipoti della Shoah. Gli studenti coinvolti sono quelli del triennio della Scuola Media Inferiore e del primo Biennio della Scuola Secondaria Superiore della Regione Lazio.

In ciascuna scuola saranno identificati almeno 50 studenti compresi tra gli 11 e i 16 anni, che parteciperanno alla proiezione dei film di Israel Cesare Moscati prodotti da Rai Cinema: “I Figli della Shoah” e “Suona Ancora – Il coraggio dei figli e nipoti della Shoah è stato quello di vivere”. A seguito della proiezione del 16 gennaio Moscati condurrà un dibattito con gli studenti con l’obiettivo di spiegare e approfondire i temi affrontati.

Il progetto prevede la produzione di lavori collettivi da realizzarsi nell’ambito di: musica, con una composizione per musica e/o canto della durata massima di 3 minuti; audiovisivo, con la produzione di un cortometraggio della durata massima di 5 minuti; letteratura, con la produzione di una poesia o un racconto breve; arti figurative, con un disegno, dipinto, scultura, grafica o arte plastica. Ogni scuola potrà presentare un solo progetto per categoria, quindi un massimo di 4 progetti. Gli elaborati dovranno essere consegnati a: Clipper Media (c/o PRODOMORE, via E. Gianturco, 11 – Roma) entro le ore 17.00 del 6 marzo 2017 (non farà fede il timbro postale) e saranno valutati da una giuria composta da un rappresentante di ciascun partner dell’iniziativa. I lavori migliori saranno premiati a Roma il 23 marzo 2017, vigilia dell’anniversario dell’Eccidio delle Fosse Ardeatine, nell’ambito di un evento commemorativo con la proiezione del nuovo film di Moscati, “Alla ricerca delle radici del male” e la premiazione del concorso a premi.

“La finalità del progetto – sottolineano gli organizzatori – poggia sul contributo progettuale, affinché il dolore possa trasformarsi in un progetto di vita, tentando di sensibilizzare sempre più le nuove generazioni sul tema dell’Olocausto e sul dolore umano transgenerazionale che esso ha comportato. Saranno quindi promossi i valori della solidarietà umana, della cooperazione tra i popoli e del rispetto delle diversità etniche, culturali e religiose”.

“Il progetto – continuano gli organizzatori – si propone, inoltre, di aprire ad un percorso di riflessione duraturo all’interno del mondo scolastico e di essere uno stimolo per future attività di sensibilizzazione rivolte agli studenti. L’iniziativa, in parallelo, si rivolge anche agli insegnanti affinché i medesimi possano acquisire informazioni – utili a replicare l’iniziativa in altre Scuole”.

Il progetto è realizzato in collaborazione con MiBAC, MIUR, Assessorato alla Cultura della Regione Lazio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here