Home Eventi SalinaDocFest 2017: “Prova Contraria” di Chiara Agnello vince il Concorso Documentari, menzione...

SalinaDocFest 2017: “Prova Contraria” di Chiara Agnello vince il Concorso Documentari, menzione per “Haiku”

CONDIVIDI

PROVA-CONTRARIA-202873

Annunciati i vincitori del Concorso Sicilia.Doc del SalinaDocFest 2017. Vince il Premio IRRITEC Sicilia.Doc 2017 “Prova Contraria” di Chiara Agnello (Italia, 2016, 63’). Una menzione speciale va a “Haiku on a Plum Tree” di Mujah Maraini-Melehi (Italia, 2016, 74’). Così ha deciso la Giuria, composta da Salvatore Cusimano, Francesco D’Ayala e Luigi Lo Cascio.

Queste le motivazioni lette sul palco dal direttore di Rai Sicilia, in presenza delle autrici e della direttrice del Festival, Giovanna Taviani:

“La Giuria, innanzitutto, vuole esprimere il suo apprezzamento alla direzione artistica del SalinaDocFest per l’alto livello dei documentari selezionati. La loro qualità ha reso molto difficile la scelta finale. I giurati hanno riscontrato non solo l’aderenza dei temi trattati alla linea editoriale ma anche lo sforzo di ricerca originale nella narrazione e nella resa filmica, con una particolare accuratezza anche nella fotografia, nella qualità della luce e della colonna sonora. La giuria ha assegnato all’unanimità il Premio IRRITEC al film PROVA CONTRARIA di Chiara Agnello. La regista ha affrontato il tema della devianza minorile e del difficile percorso di recupero dei minori dell’istituto MALASPINA con grande delicatezza, scavando in profondità nelle storie di tutti i protagonisti riuscendo, grazie a ore di riprese a ridurre al minimo l’impatto della macchina da presa dimostrando una empatia fuori dal comune con gli ambienti le persone incontrate. Il film è intriso di dolore, ma allo stesso tempo,nella ricerca della presa di coscienza degli errori fatti e del male causato e nella costante assunzione di responsabilità espressa anche attraverso sofferti processi di verbalizzazione,lascia intravedere forse l’unica possibilità di riscatto e di intervento per ridurre il disagio che assedia le nostre comunità. In tutte le storie di Chiara Agnello emerge un conflitto irrisolto tra padri e figli, rapporti deboli, resi ancora più fragili dall’assenza. In queste situazioni estreme ma allo stesso tempo diffuse senza differenza di latitudini e di stratificazioni sociali,l’unica terra fertile appare quella coltivata dagli assistenti sociali uniche figure che possono sostituire la figura paterna. Il film indica una direzione per affrontare un problema nascosto che vive e brucia nella carne viva della società”.

La Giuria, sempre all’unanimità, assegna una menzione speciale a “Haiku on a Plum Tree” di Mujah Maraini Meleh:

“Il film ha colpito molto la giuria per la pulizia formale, la forza della narrazione, che dalle storie di Topazia Alliata, Fosco Maraini e delle loro tre figlie e della nipote (la regista) si apre alla Storia con la S maiuscola che ci coinvolge tutti e che ha segnato la vita di generazioni oppresse dalle dittature,dal fascismo e vittime di violenze, privazioni e cancellazione dei più elementari diritti, a cominciare dalla libertà di scelta e di opinione. L’accuratezza del montaggio, le soluzioni originali e raffinate (il teatro di figura,le scene del teatro giapponese) fanno di HAIKU un film pregevole destinato sicuramente al successo. Un particolare apprezzamento viene rivolto alla scrittura del testo, alla selezione dei brani del diario di Topazia e alla musica pienamente aderente all’espressività della narrazione”.

 Sicilia.Doc 02 HAIKU ON A PLUM TREE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here