Home Eventi Corti d’Argento 2018: premi speciali a Pippo Mezzapesa, Alessandra Pescetta e Francesco...

Corti d’Argento 2018: premi speciali a Pippo Mezzapesa, Alessandra Pescetta e Francesco Di Leva

CONDIVIDI

Roma, 16 aprile 2018 – Aspettando la mattinata di mercoledì 18 aprile, quando verranno annunciati i vincitori dei Nastri d’Argento per i cortometraggi (alle 12.30 alla Casa del Cinema di Roma), si svelano oggi altri premi speciali.

Dopo Claudio Santamaria miglior regista esordiente per “The Millionairs”, nella sezione dedicata ai film di impegno sociale viene premiato invece un regista già Nastro d’Argento nel 2014: il premio va a “La giornata” di Pippo Mezzapesa.

Due invece i vincitori ex aequo tra quelli che hanno mostrato innovazione e ricerca nel linguaggio: “L’ombra della sposa” di Alessandra Pescetta, visto alle Giornate degli Autori di Venezia, e “Malamenti” di Francesco Di Leva, attore e in questo caso regista di un film che insieme a quello della Pescetta si è guadagnato un nuovo Premio dei Nastri d’Argento, dall’etichetta significativa: “Corti del futuro”.

Annunciate anche le “cinquine finaliste”: con i cinque titoli di animazione tra i quali sarà premiato il migliore, i film finalisti tra cui sarà assegnato il Nastro per il miglior corto “fiction” 2018. Ecco i titoli: per l’animazione “Beauty Banned” di Rino Stefano Tagliafierro, “Framed” di Marco Jemolo, “Looney foodz!” di Paolo Gaudio, “Presence Absence” di Iolanda Di Bonaventura e “Rob Hot” di Donato Sansone. Per la fiction, concorrono al Nastro, invece, “A Christmas Carol” di Luca Vecchi, “La recita” di Guido Lombardi, “Piccole italiane” di Letizia Lamartire, “Pipinara” di Ludovico Di Martino e “Tabib” di Carlo D’Ursi.

Nella selezione di questo 2018, in tutto una settantina di titoli, anche corti firmati da Andrea De Sica, Paolo Genovese, Sidney Sibilia, Salvatore Mereu e il vincitore Pippo Mezzapesa, nati anche grazie al coinvolgimento economico di onlus o veri e propri brand intervenuti nella loro produzione, comunque insieme in una “cinquina” di opere siglate da una particolare attenzione ai temi della società.

Sono stati segnalati infine per il particolare impegno civile, oltre il corto sul dopo terremoto ad Amatrice, Premio speciale, per Gianni Amelio, i film “08 Giugno ’76”, “L’appello”, “Valeria”, “Veneranda Augusta”.

Per maggiori informazioni: www.cinemagazineweb.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here