Home Eventi Chiusura col botto per RisorgiMarche: Neri Marcorè, “grazie a tutti!”

Chiusura col botto per RisorgiMarche: Neri Marcorè, “grazie a tutti!”

CONDIVIDI

“La seconda edizione di RisorgiMarche non poteva chiudersi in modo più bello e coinvolgente di questo: a quest’ultimo appuntamento ci aspettavamo circa 40 mila persone ma sui prati sopra Matelica per festeggiare la manifestazione e tributare a Lorenzo tutto l’affetto che merita per la sua generosità e il suo talento artistico ne sono arrivate almeno 70 mila! – commenta a margine del concerto di Jovanotti, l’ideatore e direttore artistico Neri Marcorè – Lui e i suoi musicisti hanno incantato, trascinato, estasiato il pubblico in un crescendo di emozioni che quando smetteranno di vibrare, e ci vorrà tempo, andranno a finire nell’album dei ricordi più intensi di quest’estate marchigiana. Nei miei sicuramente, io che ho avuto il privilegio raro di condividere palco e microfono in parecchi momenti dello spettacolo, un regalo per cui sono ancora più grato a uno dei personaggi che per carriera, capacità, profondità e filosofia di vita ammiro di più nel panorama italiano”.

“Un regalo anche per le attività commerciali della zona – prosegue l’artista marchigiano – visto che nel weekend si è registrato il tutto esaurito nelle strutture alberghiere e che molte aziende hanno potuto ridare linfa alle loro vendite grazie al passaggio di così tanta gente. Uno spot per una Regione accogliente con paesaggi naturali lussureggianti, che meritavano di essere conosciuti e meritano di essere frequentati”.

La seconda edizione di questo festival solidale, nato con l’obiettivo di sostenere le comunità colpite dal sisma, chiude con un bilancio che è andato oltre le previsioni. Sommate alle 80 mila persone della prima edizione, le 150 mila di quest’anno portano a risultati significativi anche in termini di indotto: oltre 230 mila presenze per diversi milioni di euro spesi nel territorio marchigiano, grazie ai 29 appuntamenti gratuiti voluti da Marcorè con i grandi protagonisti della musica.

“I risultati hanno superato qualsiasi aspettativa, la speranza che su questi luoghi non si spengano i riflettori è fondata, così come l’auspicio che anche grazie alla musica e all’incontro tra migliaia di persone si possa tessere insieme la trama di un tessuto connettivo necessario per ripartire e immaginare un futuro ricco di nuove opportunità. Viva RisorgiMarche, grazie a tutti gli artisti, ai collaboratori e a tutte le persone che credono a questo progetto e lo sostengono con entusiasmo!”, conclude.

In apertura del concerto di Jovanotti, Neri Marcorè ha speso parole di ringraziamento per tutto lo staff, citando il direttore esecutivo Giambattista Tofoni e il gruppo di lavoro di TAM – Tutta un’Altra Musica, cui è affidata la produzione del festival, la responsabile della comunicazione Désirée Colapietro Petrini con Manuela D’Alessio e Claudia Alì, le troupe foto e video, i ragazzi del service, i runner e tutti i partner e sostenitori, dalla Regione Marche agli sponsor a ogni singola istituzione ed ente che ha collaborato alla riuscita del festival.

La prima edizione di RisorgiMarche ha avuto inizio il 25 giugno 2017 ad Arquata con Niccolò Fabi e Gnu Quartet, cui sono seguiti Malika Ayane, Daiana LouRonEnrico Ruggeri, Paola Turci, Bungaro, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Fiorella Mannoia e Luca Barbarossa, Brunori Sas, Max Gazzè Francesco De Gregori, accompagnato da FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana e da Gnu Quartet. Nel corso dell’edizione 2018, i protagonisti sono stati Piero Pelù, Angelo Branduardi, Simone Cristicchi e Gnu Quartet, Mario Biondi, Alex Britti, Noa, Clementino, Luca Carboni, Irene Grandi, Andrea MiròPaolo Belli & Big Band, Elio & Rocco Tanica, Ermal Meta, Toquinho, Neri Marcorè con Gnu Quartet. Una lunga lista di artisti a cui si è aggiunto, a sorpresa, Jovanotti, che si è esibito domenica 5 agosto, accompagnato dalla sua band.

Per maggiori informazioni: www.risorgimarche.it 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here