Home Eventi Roberto Minervini, l’omaggio di due festival al regista italiano

Roberto Minervini, l’omaggio di due festival al regista italiano

CONDIVIDI
I due festival internazionali dedicheranno un omaggio al regista italiano con una retrospettiva completa, masterclass e incontri

Il Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario di Firenze e IsReal – Festival di Cinema del Reale di Nuoro omaggeranno il regista italiano Roberto Minervini con una retrospettiva completa, una masterclass e degli incontri con il pubblico in occasione delle rispettive manifestazioni, che si terranno a Firenze dal 3 al 10 novembre 2018 e a Nuoro dal 7 al 12 maggio 2019.

Nasce dall’incontro dei rispettivi direttori, Alberto Lastrucci (direttore del Festival dei Popoli) e Alessandro Stellino (direttore artistico di IsReal e curatore della doppia retrospettiva), la volontà di proporre un approfondimento su uno dei cineasti contemporanei più sorprendenti e innovativi.

Con il suo cinema, Roberto Minervini dimostra di saper coniugare un’originale ricerca stilistica e l’intenso racconto di vite ai margini di un’America rimossa, raramente protagonista sul grande schermo.

L’omaggio congiunto dei due festival è stato presentato oggi, lunedì 3 settembre, in occasione della 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove il regista partecipa in concorso ufficiale con il suo ultimo film “What You Gonna Do When the World’s on Fire?”, prodotto da Okta Film, Pulpa Film, Rai CinemaShellac Sud, MYmovies.it. L’omaggio è organizzato con il supporto di Fondazione Sardegna Film Commission e di Fondazione Sistema Toscana in collaborazione con Cinecittà Luce.

Frutto di un’attenta e sensibile osservazione e realizzati insieme a un gruppo stabile di collaboratori, i film di Roberto Minervini nascono dalla condivisione di un’esperienza e sono il risultato di un viaggio che il regista compie al fianco dei propri “interpreti”, dove le due parti si mettono in gioco, rinunciando a copioni prestabiliti per ridefinire la propria posizione all’interno del mondo. La malata terminale di “The Passage” (2011), il dodicenne solitario di “Low Tide” (2012), l’adolescente Sarah che in “Stop the Pounding Heart” (2013) cerca la propria indipendenza fuori dai rigidi confini familiari, la coppia di amanti tossicodipendenti e i membri della cellula paramilitare di “Louisiana” (“The Other Side”, 2015), fino a Judy, Kevin, Ronaldo, Titus e i componenti di un nucleo resistente delle Black Panthers in “What You Gonna Do When the World’s on Fire?” (2018), sono tutti rappresentanti di un’umanità in lotta per la propria sopravvivenza, a difesa di una dignità rappresentativa fuori dagli stereotipi e dai luoghi comuni.

“I film di Minervini godono di apprezzamento da parte della critica internazionale e degli spettatori più attenti – hanno dichiarato i direttori dei due festival – Questa doppia retrospettiva ci permetterà di compiere un sorprendente viaggio attraverso i suoi film e di conoscere il suo originale metodo di lavoro attraverso gli incontri con l’autore organizzati a Firenze e a Nuoro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here