Home Eventi Torna CinemAmbiente, importante festival di cinema ambientale

Torna CinemAmbiente, importante festival di cinema ambientale

515
0
CONDIVIDI
Appuntamento a Torino dal 31 maggio al 5 giugno 

Torino, 22 maggio 2019 – È stato presentato questa mattina, presso il Circolo dei Lettori di Torino, il programma completo della 22esima edizione del Festival CinemAmbiente, il primo e più importante festival di cinema ambientale in Italia in programma dal 31 maggio al 5 giugno 2019 a Torino.

CinemAmbiente è diretto da Gaetano Capizzi e organizzato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino e dall’Associazione CinemAmbiente.

“CinemAmbiente festival è una realtà che ha avuto una crescita ed ha accolto le proteste che provengono da Greta Thunberg e dai ragazzi di tutto il mondo – ha affermato l’assessore comunale all’Ambiente Alberto Unia – Giovani che avranno un ruolo da protagonisti grazie all’istituzione del concorso nazionale CinemAmbiente Junior”.

“Un festival all’interno di un altro – ha spiegato Gaetano Capizzi, direttore della manifestazione – Si tratta di un concorso rivolto ai ragazzi e ai loro film, che riceve il sostegno di un bando Miur da 44mila euro. Il vincitore verrà premiato il 5 giugno e riceverà una medaglia conferitagli dal ministro dell’ambiente Sergio Costa“.

“Quest’anno i film iscritti erano più di mille. Un numero importante – ha dichiarato Livia Furzi, tra le curatrici dell’evento – Per la sezione internazionale sono in programma dieci documentari che parleranno dell’impatto dell’attività umana sul pianeta. I registi hanno provato ad analizzarlo e a misurarlo”. Un altro concorso è quello rivolto ai titoli italiani: “Sono in programma dieci documentari che parlano dei gravi problemi ambientali e del rapporto dell’uomo sul territorio – ha aggiunto Furzi – Uno di essi è Controcorrente, film di apertura della sezione, che verrà trasmesso venerdì 31 maggio al Cinema Massimo. Il cortometraggio racconta il viaggio di due ragazzi (anche autori del film) – Claudio Carotenuto e Daniele Giustozzi – che hanno percorso 6.000 km della penisola a bordo di un auto ibrida, per indagare sulla condizione ambientale del nostro paese in specifica relazione alla criticità dell’acqua, della sua assenza o della sua sovrabbondanza”.

Per maggiori informazioni: https://cinemambiente.it

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here