Home Eventi Venezia 76: Spike Lee attacca Trump, “guardate in che schifo siamo”

Venezia 76: Spike Lee attacca Trump, “guardate in che schifo siamo”

337
0
CONDIVIDI
Il regista alla Mostra del Cinema per “American Skin” di Nate Parker

Spike Lee ha attaccato Trump durante la conferenza stampa di “American Skin”, opera seconda di Nate Parker presentata nella sezione Sconfini della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

“American Skin” affronta i temi della violenza della polizia e del razzismo ancora radicato nell’America dei nostri giorni, e racconta la storia di un uomo di colore che, deluso dal fatto di non aver ottenuto un processo equo per la morte del suo unico figlio per mano di un poliziotto bianco, decide di sequestrare l’intero dipartimento di Polizia e organizzare lui stesso un processo, per ottenere finalmente giustizia.

“Mio fratello, Nate Parker, ha ideato un tour de force coraggioso – ha dichiarato Spike Lee – Non ero colpito da un film come questo da tanto, tanto tempo. Spero e prego che il pubblico cinematografico comprenda questa battaglia tra amore e odio, che ha diviso il nostro mondo. Bravo Nate, davvero bravo”.

Spike Lee in conferenza ha poi aggiunto: “Il precedente presidente Barack Hussein Obama aveva detto che le presidenziali sarebbero state fondamentali per il Paese e guardate cos’è successo, in che schifo siamo con quell’uomo, che non voglio neanche nominare, l’agente arancione… Quell’uomo ha fatto tante cose malefiche ma la peggiore è aver strappato i bambini urlanti dalle braccia delle madri, per poi rinchiuderli in delle gabbie. E nulla è stato fatto per far si che le famiglie potessero riunirsi”, ha spiegato il regista, alludendo alle separazioni delle famiglie di migranti al confine con il Messico”. Tutto questo in un Paese “che si presume essere o si ritiene sia la culla della democrazia, il cui presidente dovrebbe venire considerato il leader del mondo libero. Invece ha messo in gabbia le persone”.

Ph: Getty Images

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here