Home Eventi A Locarno 2020 i Pardi di domani saranno online

A Locarno 2020 i Pardi di domani saranno online

CONDIVIDI
“Locarno 2020 – For the Future of Films” includerà anche la sezione dedicata ai Pardini per i nuovi talenti del festival

“Locarno 2020 – For the Future of Films” includerà, tra i vari progetti, anche la sezione Pardi di domani. Il tradizionale programma di cortometraggi svizzeri e internazionali, che nel 2020 festeggia il 30° anniversario, quest’anno sarà infatti fruibile in digitale. Tra il 5 e il 15 agosto le opere selezionate saranno disponibili per un numero limitato a 1.590 spettatori per cortometraggio su una piattaforma accessibile in tutto il mondo. Un modo per garantire visibilità al formato breve e per ribadire lo spirito di scoperta e l’attenzione verso i nuovi talenti del festival. In palio, come ogni anno, i quattro Pardini principali e altri premi secondari.

Il cortometraggio è il terreno di sperimentazione per eccellenza a cui il Locarno Film Festival farà onore anche nel 2020. Un formato che se per molti cineasti è stato il trampolino di lancio verso il lungometraggio, per altri continua a rappresentare una precisa scelta linguistica ed espressiva. Per questo, in un progetto orientato all’avvenire come “Locarno 2020 – For the Future of Films”, un posto d’onore sarà riservato al concorso Pardi di domani, vivaio di talenti del Locarno Film Festival. Questa sezione, dedicata a corti provenienti da tutto il mondo, permette ogni anno ai cineasti selezionati di acquisire credibilità in ambito internazionale e di gettare le basi dei loro progetti futuri.

Il contesto di crisi sanitaria ha spinto il Locarno Film Festival a rilanciare il proprio impegno nella promozione del cinema indipendente e per il programma dei corti lo farà sfruttando le tecnologie digitali e le modalità di fruizione a distanza. Il formato breve può infatti adattarsi perfettamente al web e ai moderni processi di condivisione tra utenti. Forte della riflessione intrapresa con vari protagonisti dell’industria, tra cui altri importanti festival che hanno garantito di considerare anche i corti presentati a Locarno, il festival si è mosso in una direzione che prima di ogni altra cosa tuteli i cineasti.

La direttrice artistica del Locarno Film Festival, Lili Hinstin: “Abbiamo ritenuto che il festival fosse in grado di apportare qualcosa di concreto e importante in quel laboratorio creativo straordinario che è il formato breve e, nello spirito di utopia proprio di Locarno, abbiamo scelto di tornare al concetto originale di Internet quale spazio di condivisione del sapere senza confini e senza gerarchie. Con il concorso dei Pardi di domani online tenteremo, insieme ai registi, di vivere un’esperienza unica e particolare nella storia del festival”.

Per maggiori dettagli: www.locarnofestival.ch

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here