Home Eventi Locarno Film Festival: “Un viaggio nella storia del Festival” con i registi...

Locarno Film Festival: “Un viaggio nella storia del Festival” con i registi in corsa per i Pardi 2020

CONDIVIDI
Sono venti i titoli scelti dagli autori di The Films After Tomorrow. Il festival collabora con la piattaforma MUBI.

Credit courtesy Locarno Film Festival

I registi dei film “sospesi”, i progetti selezionati per The Films After Tomorrow, saranno anche i protagonisti di una nuova sezione del Locarno Film Festival 2020, “Un viaggio nella storia del Festival”. A loro, infatti, è stato affidato il compito di scegliere venti titoli che attraversano, e rappresentano più di 70 anni di storia della manifestazione, dal 1946 al 2019.

La selezione The Films After Tomorrow non allarga solo l’orizzonte del Locarno Film Festival al sostegno di opere in via di sviluppo, ma è anche il punto di partenza per un salto nel passato. Agli autori selezionati, infatti, è stato chiesto di scegliere un film della storia del festival che li abbia folgorati, affascinati o ispirati. Il risultato è la sezione “Un viaggio nella storia del Festival”.

La direttrice artistica del Locarno Film Festival, Lili Hinstin, dichiara: “Sarebbe impossibile riproporre la storia del Locarno Film Festival nella sua interezza: i soli lungometraggi internazionali selezionati dal 1946 rappresenterebbero più di 1.400 visioni. La cinefilia, come la Storia di tutte le arti, è fatta di corrispondenze segrete e inaspettate tra epoche, generi e scelte estetiche. È a questo viaggio soggettivo che il festival quest’anno vi invita a partecipare, un viaggio che passa attraverso lo sguardo dei cineasti di oggi, che sono anche coloro che creeranno il cinema di domani”.

I film saranno disponibili gratuitamente online in tutta la Svizzera sul sito del festival e in molteplici territori internazionali, grazie alla piattaforma di streaming online curata da MUBI, punto di riferimento globale per la nuova cinefilia, e partner VOD esclusivo della selezione. Accanto a questa collaborazione, ad agosto MUBI lancerà anche il suo quinto “Direct from Locarno”, una speciale selezione di film della scorsa edizione del festival. Dieci film dei venti selezionati saranno anche proposti a Locarno con proiezioni fisiche in sala cinematografica grazie anche ad alcune copie rese disponibili dalla Cinémathèque suisse, sempre dal 5 al 15 agosto 2020, grazie alla programmazione al PalaCinema e GranRex di Locarno e al PalaVideo di Muralto.

La selezione di “Un viaggio nella storia del Festival”

Questi sono i venti film scelti dagli autori di The Films After Tomorrow, dieci dei quali saranno anche visibili in sala cinematografica a Locarno oltre che online:

Germania, anno zero, di Roberto Rossellini – Italia/Francia/Germania – 1948
Locarno 3
Proposto da Pierre-François Sauter
Proiezione online e fisica

Comizi d’amore, di Pier Paolo Pasolini – Italia – 1964
Locarno 17
Proposto da Anna Luif
Proiezione online

Terra em transe (Entranced Earth), di Glauber Rocha – Brasile – 1967
Locarno 20
Proposto da Lisandro Alonso
Proiezione online e fisica

Charles mort ou vif, di Alain Tanner – Svizzera – 1969
Locarno 22
Proposto da Raphaël Dubach e Mateo Ybarra
Proiezione online e fisica

Invasión, di Hugo Santiago – Argentina – 1969
Locarno 22
Proposto da Andreas Fontana
Proiezione online e fisica

In Gefahr und größter Not bringt der Mittelweg den Tod, di Alexander Kluge e Edgar Reitz – Germania dell’Ovest – 1974
Locarno 28
Proposto da Juliana Rojas
Proiezione online

India Song, di Marguerite Duras – Francia – 1975
Locarno 28
Proposto da Helena Wittmann
Proiezione online

Mababangong Bangungot (Perfumed Nightmare), di Kidlat Tahimik – Filippine – 1977
Locarno 30
Proposto da Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor
Proiezione online

E Nachtlang Füürland, di Clemens Klopfenstein e Remo Legnazzi – Svizzera – 1981
Locarno 34
Proposto da Michael Koch
Proiezione online e fisica

Stranger Than Paradise, di Jim Jarmusch – Stati Uniti/Germania dell’Ovest – 1984
Locarno 37
Proposto da Marí Alessandrini
Proiezione online e fisica

Kǒng bù fèn zǐ (The Terrorizers), di Edward Yang – Taiwan – 1986
Locarno 40
Proposto da Eric Baudelaire
Proiezione online

O Bobo, di José Álvaro Morais – Portogallo – 1987
Locarno 40
Proposto da Miguel Gomes
Proiezione online

Der siebente Kontinent, di Michael Haneke – Austria – 1989
Locarno 42
Proposto da Lav Diaz
Proiezione online e fisica

Metropolitan, di Whit Stillman – Stati Uniti – 1990
Locarno 43
Proposto da Axelle Ropert
Proiezione online e fisica

Rapado, di Martín Rejtman – Argentina/Paesi Bassi – 1992
Locarno 45
Proposto da Lucrecia Martel
Proiezione online

Au Nom du Christ, di Roger Gnoan M’Bala – Costa d’Avorio/Svizzera – 1993
Locarno 46
Proposto da Mohammed Soudani
Proiezione online e fisica

Noon-O-Goldoon (A Moment of Innocence), di Mohsen Makhmalbaf – Iran/Francia – 1996
Locarno 49
Proposto da Miko Revereza
Proiezione online

Cavalo Dinheiro (Horse Money), di Pedro Costa – Portogallo – 2014
Locarno 67
Proposto da Wang Bing
Proiezione online

No Home Movie, di Chantal Akerman – Belgio/Francia – 2015
Locarno 68
Proposto da Cyril Schäublin
Proiezione online

M, di Yolande Zauberman – Francia – 2018
Locarno 71
Proposto da Elie Grappe
Proiezione online e fisica

Tutti i dettagli sull’acquisto dei biglietti e sulle norme igienico-sanitarie vigenti nelle sale menzionate saranno pubblicati dal 29 luglio sul sito del Locarno Film Festival. L’edizione di Locarno 2020 – For the Future of Films si terrà dal 5 al 15 agosto 2020 nella sua forma sia online che fisica nelle sale cinematografiche di Locarno e Muralto (PalaCinema 1, GranRex e PalaVideo).

Sito Ufficiale: www.locarnofestival.ch

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here