Home Eventi Anna Foglietta a #Giffoni50 – Winter Edition: “Sono stanca che la cultura sia...

Anna Foglietta a #Giffoni50 – Winter Edition: “Sono stanca che la cultura sia considerata uno sfizio, serve politica che investa”

CONDIVIDI
L’attrice in live streaming con i ragazzi per l’edizione natalizia del festival

Credit: Dirk Vogel

“Sono stanca che la cultura sia considerata un vuoto a perdere, uno sfizio, questa cosa mi indispone. Voglio lottare contro questo malcostume, ma serve una politica seria che investa. Servono soldi, soldi! La cultura è ciò che determina il grado di civiltà di un paese, insieme alle galere e alle infrastrutture, non sto scherzano. Questo è quello che fa di un paese, un paese civile”. Così Anna Foglietta è intervenuta ieri in live streaming con i ragazzi collegati su giffonilive.it per l’edizione natalizia #Giffoni50 – Winter Edition.

“Gli artisti fanno quello che possono, ma se la politica non si muove, cosa possono fare? – ha proseguito l’attrice – Se domani mi dicessero di incatenarmi davanti ad un cinema chiuso da quattro mesi, lo farei, se mi dicessero di fare lo sciopero della fame, lo farei. Ma non basta, sarebbero soltanto delle mosse eclatanti che non porterebbero a niente. Ci vuole una politica seria che finanzi”.

“Purtroppo è sempre lo stesso discorso, è un discorso economico – ha aggiunto – Ci vogliono far credere che la cultura sia qualcosa che non ci possiamo permettere. E non è così, abbiamo il dovere di creare una controtendenza, e per fare questo bisogna far capire, anche ai bambini, che il teatro o il cinema non sono esperienze straordinarie da fare una volta ogni tanto. Il mio più grande desiderio sarebbe quello di vedere nell’agenda normale di ogni individuo, insieme alla pizza con gli amici, all’aperitivo con le amiche, anche andare al cinema, a teatro. E non è vero che è molto costoso perché ci sono tanti modi per affrontare questo problema”.

Anna Foglietta ha poi parlato del suo rapporto con i registi emergenti: “Amo i giovani perché hanno sempre qualcosa di nuovo da dire, sono senza sovrastrutture che spesso è un approccio che hanno gli adulti. Le opere prime sono una fucina del futuro, sento la responsabilità di essere parte integrante di un processo di creazione e cerco di far passare anche il mio punto di vista”. E ancora: “Sono nata autodidatta, non ho mai fatto il provino al Centro Sperimentale di Cinematografia ne all’Accademia Silvio D’Amico, nonostante ogni volta la mia domanda fosse stampata, compilata e imbustata, perché avevo paura che un loro rifiuto avrebbe condizionato la mia carriera”.

L’attrice sarà Franca Rampi nella serie Sky “Alfredino – Una storia italiana” che reputa “forse la cosa più importante che ho fatto nella mia vita”.

Sito Ufficiale: https://giffonilive.it

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here