Home Newsletter Weekend Indicinema al Festival di Roma 2011: Santini assicura un Fondo Speciale...

Weekend Indicinema al Festival di Roma 2011: Santini assicura un Fondo Speciale per il cinema indipendente

CONDIVIDI

Si è concluso con successo il Weekend Indicinema al Festival Internazionale del Film di Roma 2011. La tre giorni di convegni ha registrato la partecipazione di centinaia di addetti ai lavori ed esponenti del mondo culturale e politico che hanno deciso di unirsi al movimento Indicinema credendo nel “Nuovo Modello Possibile”, lo strumento che punta a garantire la centralità dell’opera, l’indipendenza espressiva e artistica, il rispetto delle varie professionalità e dei mestieri, la legalità e la  trasparenza finanziaria, un circuito di distribuzione indipendente e alternativo, la sala cinematografica intesa come luogo di aggregazione sociale.

Importanti i primi risultati raggiunti: l’Assessore alla Cultura della Regione Lazio, Fabiana Santini, ha assicurato l’istituzione di un Fondo Speciale per il cinema indipendente già a partire dal 2012 e Walter Nastasi, responsabile di Unionfidi Lazio S.p.A., ha annunciato l’istituzione di un tavolo di confronto con Indicinema per favorire l’accesso al credito anche alle piccole case produttrici.

Mario Lorini, Presidente della FICE, e Candido Coppetelli, Vice Presidente della CGS, hanno dichiarato che i film prodotti col modello Indicinema potranno contare su diverse decine di sale in tutta Italia.

Fabrizio Ferrari, Direttore del RIFF (Rome Independent Film Festival), ha garantito l’appoggio non solo del suo Festival ma di tutte le rassegne indipendenti nazionali, al fine di creare una serie di vetrine efficaci per promuovere i film italiani a micro budget.

Il Ministro Giancarlo Galan da mesi si sottrae invece al confronto con gli indipendenti ed elude ogni forma di dialogo, Indicinema intende confrontarsi con le istituzioni e con tutte le realtà del settore presenti sul territorio, nella convinzione che occorra un ampio confronto per scardinare il preoccupante “totalitarismo culturale” e le manifestazioni di “omologazione del pensiero” di cui questi tempi registrano diversi segnali.

Indicinema si associa alle parole di Roberto Perpignani, caposcuola dei montatori italiani e Presidente della FIDAC: “Dobbiamo riappropriarci del nostro futuro”. È per questo che già nelle prossime settimane sarà operativo il “Nuovo Modello Possibile” con una serie di iniziative e proposte rivolte agli artisti, ai professionisti, ai produttori, al pubblico più attento verso i destini del cinema italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here