Home News Tognazzi 100, al via il crowdfunding per “La donna scimmia”

Tognazzi 100, al via il crowdfunding per “La donna scimmia”

CONDIVIDI
Annie Girardot e Ugo Tognazzi / “La donna scimmia”, 1964

In collaborazione con Surf Film prende il via oggi, in occasione del 100° anniversario dalla nascita di Ugo Tognazzi, il crowdfunding Start Up per pubblicare per la prima volta in Blu-ray la versione restaurata del capolavoro di Marco Ferreri, “La donna scimmia”. La limited edition, che presenterà 3 diversi finali del film, sarà pubblicata in 500 copie da collezione, accompagnata da un booklet e da video interviste esclusive, solo al raggiungimento dell’obiettivo di 300 pre-acquisti effettuati entro il 19 aprile da questo link https://www.cgentertainment.it/film-dvd/la-donna-scimmia/f7182/.

IL RESTAURO

Il restauro in 4K è stato realizzato a partire da un lavander di prima generazione conservato da TF1 Studio. Il restauro è stato realizzato da Cineteca di Bologna, TFI Studio, con il sostegno di CNC Centre National du cinéma et de l’image animée in collaborazione con Surf Film, e presentato alla 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia (2017), nella sezione Venezia Classici. Il restauro è stato eseguito presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata (Bologna – Parigi) nel 2017.

I TRE FINALI

L’edizione proporrà in successione i 3 diversi finali del film: il primo con cui il film si chiude è il finale della versione italiana censurata; il secondo corrisponde al finale della versione lunga voluto dal regista Marco Ferreri; il terzo è il finale della versione cinematografica francese.

IL FILM

“La donna scimmia” è uno dei controversi capolavori di Marco Ferreri e secondo capitolo, dopo “Una storia moderna – L’ape regina” (1963), del sodalizio che ha legato per lungo tempo il regista, definito nell’ambiente “il matto”, ed uno degli attori più coraggiosi e versatili del nostro cinema, Ugo Tognazzi. A fianco di Tognazzi, nei panni dell’imbroglione Antonio Focaccia, troviamo una straordinaria Annie Girardot, nei panni di Maria, personaggio ispirato alla vera storia di Julia Pastrana, una donna ipertricotica di origine messicana realmente vissuta nell’800 e sfruttata come fenomeno da baraccone da Theodore Lent. Il film, prodotto da Carlo Ponti, venne presentato in concorso al 17. Festival di Cannes.

L’EDIZIONE START UP CONTERRÀ:

– Blu-ray da nuovo Master HD proveniente dal restauro 4K con i 3 diversi finali del film

– Slipcase di cartone con artwork originale d’epoca

– Artwork originale alternativo per l’Amaray interno

– Numerazione della copia limitata ai primi 500 pezzi

– Il nome di tutti i partecipanti all’operazione all’interno della confezione (500 copie)

– Extra, video interviste inedite

– Booklet testuale e fotografico a cura di Elisa Baldini.

Questa edizione non sarà disponibile altrove.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here