Home Interviste Mehdi Meskar in “Pitza e Datteri”

Mehdi Meskar in “Pitza e Datteri”

577
0
CONDIVIDI

La nostra intervista all’attore Mehdi Meskar, tra gli interpreti di “Pitza e Datteri”, il film del regista curdo Fariborz Kamkari con Giuseppe Battiston

Mehdi-Meskar-2015-99

E’ nelle sale dal 28 maggio “Pitza e Datteri”, il nuovo film del regista curdo Fariborz Kamkari, già autore dell’acclamato e premiato “I fiori di Kirkuk”. Una divertente storia di integrazione multiculturale ambientata a Venezia.

In cerca di un nuovo luogo di culto – visto che il precedente spazio è stato trasformato in un hair-stylist da una musulmana progressista – la piccola comunità islamica di Venezia ricorre all’aiuto di un giovane imam afgano, tanto integralista quanto inesperto. Tutti i goffi tentativi falliscono comicamente, ma alla fine troveranno un luogo e un aiuto da chi non avrebbero mai pensato.

Protagonisti della vicenda sono Bepi, un veneziano convertitosi all’Islam (Giuseppe Battiston), il giovanissimo Imam Saladino (Mehdi Meskar), la splendida parrucchiera Zara (Maud Buquet), il “presidente” della comunità Karim (Hassani Shapi), la musulmana progressista Fatima (Esther Elisha) e il curdo Ala (Giovanni Martorana).

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Mehdi Meskar.

 PITZA-E-DATTERI-Mehdi-Meskar-e-Giuseppe-Battiston-2015

Parlami del tuo personaggio.
Interpreto Saladino, un giovane afgano bambino di guerra, spedito dal suo maestro a Venezia per ritrovare un luogo di culto. Il mio personaggio serve come spunto di confronto tra oriente e occidente, che utilizza la sua crisi personale per integrarsi. E’ un ruolo che mi è piaciuto tantissimo, ha una sua evoluzione su più livelli perché esordisce come un fanatico fondamentalista che poi si libera.

Come è nato l’incontro con il regista?
Mi ha chiamato per un casting a Roma. Aveva sentito parlare di me da Franco Dragone e Giuliano Peparini, con il quale avevo lavorato in precedenza. Ci siamo visti in tutto tre volte, ma non è stato un vero e proprio provino, quanto semmai una chiacchierata piacevole. Alla fine mi ha chiamato e mi ha comunicato che il ruolo era mio.

Qual è il tuo punto di vista sul film e come è stata l’atmosfera sul set?
Mi sono appassionato al film già leggendo la sceneggiatura e ho riso tanto. Le problematiche trattate, seppur con leggerezza, sono molto attuali e negli ultimi due anni la situazione si è inasprita anche di più, la tensione è cresciuta. Il film riesce a trattare il tutto con tatto e delicatezza, è dolce, leggero, ironico.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Ho girato in Francia una serie televisiva, bella e ben lavorata, “Le Secret d’Elise”, in cui interpreto un personaggio ricorrente. Si parla di storie di vita in 3 tranches, nel 1969, 1986, 2015. Inoltre, c’è una bella novità, tra pochissime settimane inizierò a girare un film con un regista francese, con un cast internazionale. Gireremo per tutta l’estate e a tempo debito ufficializzerò tutti i dettagli.

Qual è il tuo sogno più grande?
Poter fare film che mi permettano di dire qualcosa e di poter trasmettere cose che mi interessano veramente.

 Mehdi-Meskar-2015

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here