Home Dal mondo Medici Senza Frontiere lancia il doc “L’impatto della guerra: un giorno nella...

Medici Senza Frontiere lancia il doc “L’impatto della guerra: un giorno nella vita del conflitto siriano”

CONDIVIDI

MSF AmmanL’organizzazione medico-umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere (MSF) lancia oggi, mercoledì 20 agosto, “L’impatto della guerra: un giorno nella vita del conflitto siriano”, un documentario multimediale che racconta un giorno nella vita del conflitto in corso in Siria dalla prospettiva degli operatori sanitari, dei pazienti e dei rifugiati.

Dopo quattro anni, la guerra in Siria ha provocato più di 150.000 decessi, ha costretto più di nove milioni di persone ad abbandonare la propria casa, un terzo delle quali ha lasciato il paese. Per quanto sconcertanti, le cifre non riescono a trasmettere la reale portata del conflitto, e l’impatto che esso ha sulle vite degli individui. Concentrandosi su un solo giorno, “L’impatto della guerra” mostra l’inesorabilità del conflitto in Siria e le numerose di esigenze mediche che giorno dopo giorno devono essere affrontate contemporaneamente in diversi luoghi.

“L’impatto della guerra è così travolgente che è facile perdere di vista ciò che essa significa per i siriani”, dice Joanne Liu, presidente internazionale di MSF. “Mentre lavoravo in Siria, alla fine dell’anno scorso, ho visto bambini con ferite da arma da fuoco e affetti da malattie prevenibili, famiglie prive di un riparo adeguato e donne che non potevano dare alla luce i propri bambini in un ambiente sicuro. Vi è una generale mancanza di umanità rispetto alla Siria perché, quando se ne parla, si fa spesso riferimento soltanto a numeri. Questo progetto testimonia il tributo di sangue di un conflitto brutale ed implacabile”.

Cortometraggi, reportage fotografici e resoconti comunicano esperienze personali del conflitto, così come viene vissuto dai pazienti rifugiati siriani e dagli operatori di MSF che li curano.

Per realizzare “L’impatto della guerra” MSF ha collaborato con fotografi e cineoperatori di grande fama, tra cui Kate Brooks, Yuri Kozyrev, Moises Saman, Daniel Etter e Ton Koene. Questi ultimi, alla fine dell’anno scorso, hanno visitato le cliniche e gli ospedali di MSF negli insediamenti di rifugiati a Domiz in Iraq, nella Valle della Bekaa in Libano, a Ramtha e Amman, in Giordania, al fine di documentare la situazione e il lavoro che viene svolto nel corso di una giornata. A causa delle condizioni di insicurezza, non è stato possibile documentare queste storie all’interno del territorio siriano.

Ciascuna scena fornisce uno scorcio delle sfide quotidiane, degli ostacoli e delle paure che gli innumerevoli sfollati siriani affrontano e, attraverso le loro storie, delle condizioni all’interno della Siria.

“L’impatto della guerra: un giorno nella vita del conflitto siriano” è disponibile su www.msf.it/impatto-della-guerra.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here