Home Dal mondo MSF arriva a Katmandu: prime 72 ore cruciali per salvare vite umane

MSF arriva a Katmandu: prime 72 ore cruciali per salvare vite umane

CONDIVIDI

Logo-Ufficiale-Bianco-MSF-Medici-Senza-Frontiere-2013

Le prime équipe di Medici Senza Frontiere (MSF) sono arrivate in Nepal, stanno valutando i bisogni medici più urgenti e si apprestano ad avviare la propria risposta per iniziare a fornire assistenza medica e chirurgica, acqua potabile e beni di prima necessità entro le prime 72 ore dalla tragedia, le più cruciali per salvare vite umane in casi di terremoto.

Un’équipe di 17 operatori MSF è già a Katmandu e ha effettuato una prima valutazione dei danni in elicottero. Un’équipe medico-chirurgica di 11 persone è appena arrivata da Bruxelles, pronta ad allestire un’unità di chirurgia di emergenza per iniziare a effettuare interventi chirurgici. L’équipe raggiungerà anche i distretti di Tanahu, Lamjung e Gorkha per dare supporto agli ospedali, avviare cliniche mobili, distribuire materiali di prima assistenza come coperte, kit igienici e ripari, e fornire acqua e servizi igienico-sanitari, secondo i bisogni delle persone.

Altre équipe composte da medici, chirurghi, ostetriche, anestesisti, logisti, esperti di potabilizzazione dell’acqua, arriveranno nelle prossime ore dall’India, dall’Olanda, dal Giappone, da Parigi, mentre un gruppo di operatori MSF è stato dirottato in India dopo che nuove scosse di assestamento hanno impedito all’aereo di atterrare e arriveranno a breve da Nuova Delhi. Un’ulteriore équipe ha raggiunto via auto dall’India la città di Gorkha, a 70 km a nord ovest di Katmandu, mentre tre camion contenenti aiuti essenziali hanno attraversato il confine nepalese e stanno arrivando nell’area.

Nel frattempo un cargo MSF da 35 tonnellate in partenza da Bordeaux porterà in Nepal un ospedale gonfiabile e scorte di medicinali mentre altre 30 tonnellate di forniture mediche sono in partenza dalla centrale logistica MSF di Ostende (Belgio).

MSF ha lavorato in Nepal dal 2002 al 2009 per fornire assistenza alle persone colpite dal conflitto fornendo cure mediche di base, cure materno-infantili, acqua potabile e servizi igienico-sanitari. MSF ha lasciato il Nepal nel 2009, dopo un passaggio di consegne del proprio lavoro alle agenzie governative e alle organizzazioni umanitarie con un approccio a lungo termine per continuare a coprire i bisogni sanitari delle persone.

Per seguire l’intervento di MSF in Nepal visita il sito www.msf.it/nepal o segui @MSF_ITALIA su Twitter. 

E’ possibile sostenere l’azione di Medici Senza Frontiere donando al Fondo Emergenze, www.medicisenzafrontiere.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here