Home Dal mondo Nepal, MSF: atterrato cargo con ospedale gonfiabile

Nepal, MSF: atterrato cargo con ospedale gonfiabile

CONDIVIDI

MSF nelle aree remote per fornire cure mediche e ripari

 Logo-Ufficiale-Bianco-MSF-Medici-Senza-Frontiere-2013

30 Aprile 2015

Nella notte il primo cargo di Medici Senza Frontiere (MSF) è riuscito ad atterrare a Kathmandu, con a bordo quattro tende gonfiabili per realizzare un ospedale da campo e tutte le forniture mediche necessarie al suo funzionamento. Le équipe stanno identificando il sito migliore per costruire l’ospedale dove i bisogni sono maggiori e dove il nostro intervento potrà dare il miglior valore aggiunto.

Nel frattempo le équipe, arrivate in Nepal nei giorni scorsi con kit portatili per interventi chirurgici e la costruzione di ripari, hanno avviato le attività. Un’équipe chirurgica sta iniziando a supportare l’ospedale nel distretto di Bhaktapur, area gravemente colpita a est di Kathmandu.

La priorità di MSF resta quella di raggiungere le aree più remote, che finora hanno ricevuto solo un’assistenza minima. Un’équipe composta da un medico, un infermiere e un logista ha lasciato Kathmandu in elicottero per avviare cliniche mobili nei villaggi remoti sulle montagne del distretto di Sindhupalchowk, gravemente colpite dal terremoto. Mentre ieri un’équipe è riuscita a portare oltre 200 kit per la costruzione di ripari nel villaggio di Gumba, distretto di Ghorka (200 km a nord di Kathmandu).

Continuano infine i contatti con gli ospedali di Kathmandu e Bhaktapur per monitorare la loro capacità di risposta alla “sindrome da schiacciamento”, patologia tipica dei terremoti.

Tra gli oltre 60 operatori umanitari di MSF che si trovano oggi in Nepal, ci sono anche gli italiani Angelo Rusconi, logista che in questo momento si trova nell’area di Ghorka, e il responsabile finanza Andrés Weisz, basato a Kathmandu.

È possibile sostenere l’azione di Medici Senza Frontiere donando al Fondo Emergenze, www.medicisenzafrontiere.it.

MSF finanzia le proprie attività medico-umanitarie quasi interamente grazie al sostegno dei privati. Il Fondo Emergenze ci consente di essere operativi fin dalle prime ore dallo scoppio di un’emergenza, fornendo cure mediche tempestive e di qualità dove c’è il maggior bisogno.

Per seguire l’intervento di MSF in Nepal visita il sito www.msf.it/nepal o segui @MSF_ITALIA su Twitter.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here