Home Dal mondo Libia, MSF: violenza in aumento, la sfida del soccorso sanitario

Libia, MSF: violenza in aumento, la sfida del soccorso sanitario

CONDIVIDI

carte-libye-eng-libia-msf-foto

Con il crescere delle tensioni in Libia orientale è aumentata la necessità d’intervento medico. Il conflitto nella regione si è esteso al di fuori della città di Benghazi, scenario di scontri armati da più di un anno, per spostarsi a Derna, roccaforte dello Stato Islamico (IS) nella zona, dove gli scontri sono iniziati tre settimane fa.

Medici Senza Frontiere (MSF) ha aperto una sede ad Al-Bayda da due mesi e a metà giugno ha iniziato a offrire supporto agli ospedali della zona. La città di Benghazi ha sette ospedali principali ma solo tre sono ancora in funzione. L’équipe di MSF ha fornito 100 kit chirurgici per il trattamento di pazienti feriti all’ospedale di Al-Jahal, una delle strutture funzionanti, che dopo gli scontri ha assistito molti feriti esaurendo le proprie forniture. MSF ha inoltre donato farmaci all’ospedale psichiatrico di Benghazi e all’ospedale di Al-Marj, situato tra Benghazi e Al Bayda.

“Abbiamo incontrato molti ostacoli nel distribuire i farmaci e le forniture mediche”, racconta la dott.ssa Anne-Marie Pegg, responsabile della missione in Libia di MSF. “È stata una sfida trovare un aereo che trasportasse il carico di materiali in Libia. E il trasporto su strada è molto pericoloso a causa delle condizioni di insicurezza sia nell’area orientale che in quella occidentale”.

A più di quattro anni dalla caduta di Gheddafi, la Libia è divisa in due parti, ognuna con il proprio governo: uno a ovest con sede a Tripoli, l’altro a est con sede a Tobruk. All’interno il Paese è ulteriormente frammentato da suddivisioni interne, lungo le quali lo Stato Islamico (IS) ha aumentato il proprio potere. Gli scontri armati si sono recentemente intensificati tra le forze dell’IS intorno a Derna (la loro roccaforte a est), le fazioni islamiche e l’esercito del governo di Tobruk.

Per garantire che i pazienti feriti nell’area di Derna possano ricevere le cure necessarie, l’equipe di MSF ha lavorato per incrementare la capacità di ospedalizzazione e trattamenti d’urgenza al centro di salute di Al-Qubbah, situato tra Derna e Al-Bayda, vicino alla prima linea.

Il conflitto nell’area ha spinto migliaia di persone sfollate a rifugiarsi ad Al-Qubbah, la cui popolazione è aumentata da 60.000 a 100.000 persone. Per questo c’è una pressione crescente sul sistema sanitario, già indebolito dalla divisione del paese. Nell’area orientale, gli ospedali e le cliniche pubbliche dipendono dal Ministro della Salute del governo di Tobruk, che si è insediato soltanto da un anno ed è privo di risorse.

MSF ha operato in Libia a più riprese. Nel 2011 e in seguito nel 2012, le nostre equipe hanno trattato pazienti feriti e fornito sostegno psicologico a Misurata, oltre a supportare ospedali di Tripoli, Benghazi e altre città. Nel 2013, MSF ha fornito assistenza medica e psicologica a pazienti colpiti dal conflitto.

Per maggiori informazioni: www.medicisenzafrontiere.it

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here