Home Newsletter Amore, amicizia, egoismi e tradimenti: “La vita facile” non esiste

Amore, amicizia, egoismi e tradimenti: “La vita facile” non esiste

CONDIVIDI

Video interviste a Vittoria Puccini, Camilla Filippi e Lucio Pellegrini.

“Lui ama lei. Lei ama lui. Ma lui chi?”: è l’interrogativo che campeggia, assieme ai volti dei tre protagonisti, sulla locandina del film “La vita facile” di Lucio Pellegrini che rimanda ad un triangolo amoroso che, però e per fortuna, riesce ad essere più di ciò che promette.

La pellicola è il racconto di un’amicizia, di due storie d’amore (con la stessa donna), di tradimenti e di egoismo: lei tradisce lui ma anche l’altro lo fa dato che i due sono amici dai tempi dell’adolescenza. Loro sono due medici, Luca (Stefano Accorsi) e Marco (Pierfrancesco Favino), il primo lavora in un ospedale umanitario in Africa, il secondo in una prestigiosa clinica privata romana. A dividerli non è soltanto la loro indole ma anche l’amore per la stessa donna, Ginevra (Vittoria Puccini), che hanno conosciuto assieme ma alla fine ha sposato Marco. Le loro vite s’incrociano di nuovo quando Marco decide di partire per l’Africa per scopi umanitari che però nascondono ben altro…

Dopo il recente “Figli delle stelle”, Pellegrini torna a giocare con la commistione dei generi e confeziona un prodotto gradevole in cui mixa sentimenti, avventura ed azione e in cui nessuno è quello che sembra fino ad un epilogo per niente scontato. Azzeccato ed affiatato il cast di attori, di cui fanno parte anche Camilla Filippi, Eliana Miglio, Ivano Marescotti, ed in cui si ritrova, dopo “Baciami ancora”, il triangolo Accorsi-Puccini-Favino.

Nonostante sia ambientato in un continente che nell’essere raccontato difficilmente riesce a rifuggire da luoghi comuni e buonismo, Pellegrini dribbla intelligentemente questa trappola sottraendo la retorica e infarcendo di cinismo dei personaggi i cui lati negativi si esaltano e non si stemperano proprio a causa del contesto in cui si trovano. In Africa i protagonisti cercano di sfuggire ai loro problemi, al loro passato, ai loro sbagli ricercando una “vita facile” che però non esiste.

Prodotto da Fandango in collaborazione con Sky Cinema e Medusa Film (che lo distribuisce), “La vita facile” è uscito in 300 sale il 4 marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here