Home Film consigliati Tremate, il Dittatore Sacha Baron Cohen è tornato!

Tremate, il Dittatore Sacha Baron Cohen è tornato!

CONDIVIDI

Sacha Baron Cohen torna sul grande schermo con una nuova e graffiante imitazione. Nel film “Il Dittatore” si trasforma nell’Ammiraglio Generale Aladeen. La pellicola uscirà il 15 giugno e sarà distribuita in Italia dalla Universal Pictures. 

Un leader è pronto a tutto per portare avanti le sue idee, e Aladeen non è da meno, intento a evitare che qualsiasi forma di democrazia possa giungere nella Nazione che governa, Wadiya.

Sacha Baron Cohen è tornato con il suo umorismo pungente e senza scrupoli, e con una dose massiccia di cattiveria discriminate, che non risparmia davvero nessuno.

Aladeen è un anti-occidentalista perfetto. Organizza i propri giochi Olimpici ed il vincitore è, ovviamente, uno solo (dove tutti gli avversari vengono ab-battuti a suon di colpi di pistola). È ricco sfondato, da vero nababbo può permettersi infatti schiere di macchine di lusso e comprare i servigi dei più grandi di Hollywood. Da buon integralista è inoltre allergico all’ONU e alle sue richieste di democrazia.

Un quadro perfetto che si va sgretolando quando il suo braccio destro decide di tendergli un tiro mancino. Ed è così che Aladeen si ritrova nella Grande Mela come un rifugiato politico in cerca di vendetta.

Il film ci mostra un Sacha Baron Cohen in grande spolvero, sempre capace di trasformarsi ed adattare l’inglese con diverse sfumature d’accento. Degna di nota anche la partecipazione di Sir Ben Kingsley, che passa da film come “Gandhi” e “Schindler’s List” a film comici e al limite della demenzialità come “Il Dittatore”.

Attraverso un linguaggio schietto, provocatorio e divertente “Il Dittatore” diventa una visione brillante sui mali della società contemporanea. Un mondo in cui gli ideali democratici si confondono con quelli dittatoriali, dove il perbenismo e la tolleranza sono solo facciate di una più radicata discriminazione sociale.

Tutto questo viene affrontato in maniera leggera, divertendo lo spettatore ma offrendogli spunti di riflessione più o meno velati, analizzando la recente storia contemporanea per analogie e facendo riflettere sugli stereotipi e sui pregiudizi che accompagnano i cittadini modello del ventunesimo secolo.

“Il Dittatore” (The Dictator) è nelle sale dal 15 giugno distribuito dalla Universal Pictures.

Alcuni commenti della critica:

“Sacha Baron Cohen fa il salto che molti attendevano, allontanandosi dai suoi personaggi da piccolo schermo e confezionando una pellicola dal taglio maggiormente narrativo, in cui la satira politica si fa esplicita, il gioco della provocazione più scoperto, i riferimenti più trasparenti”.
Marco Minniti, Movieplayer.it

“(…) La comicità di Sacha Baron Cohen è una faccenda paradossalmente seria che scarica il dolore del mondo, esorcizza il male, avverte in anticipo le paure dominanti scherzandoci sopra e dando loro una forma e un nome, soddisfa le esigenze emotive del pubblico pescando il riso dal ‘basso’ ma radicandolo nello spirito”.
Marzia Gandolfi, MYmovie.it

“(…) la satira de Il Dittatore è al passo con i tempi; punta il bersaglio e per colpirlo non si fa nessuno degli scrupoli che ci si aspetterebbe”.
Giorgio Viaro, BestMovie.it

“(…) The Dictator convince e non convince, a causa di uno script per la prima volta ‘ancorato’ ad un canovaccio preciso. Dimenticata la forzata ma sbalorditiva finzione di Borat, con questo adolescenziale Dittatore Sacha Baron Cohen muta in parte la propria carrellata di maschere, accettando il compromesso della ‘reale’ finzione cinematografica, a tratti talmente surreale e sottile nell’essere sfacciatamente demenziale da ricordare i Monty Python dei tempi migliori (…)”.
dr. apocalypse, CINEblog.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here