Home Speciali Dal 13 maggio al cinema “Maternal”, opera prima di Maura Delpero

Dal 13 maggio al cinema “Maternal”, opera prima di Maura Delpero

CONDIVIDI

Photo courtesy Lucky Red

Arriva nelle sale dal 13 maggio “Maternal”, opera prima della regista Maura Delpero, distribuita da Lucky Red.

Il film, presentato come unico titolo italiano nel concorso internazionale del 72° Festival di Locarno, ha ricevuto quattro riconoscimenti tra cui la Menzione Speciale della Giuria del Concorso Internazionale. Da allora è stato selezionato in più di ottanta festival internazionali come BFI London, Busan, Moscow, Chicago, Festa del Cinema di Roma, Guadalajara, Mar del Plata, El Cairo e AFI Los Angeles, ricevendo più di venti premi tra cui Miglior Film, Miglior Interpretazione, FIPRESCI e Premio del Pubblico. Alla regista è stato inoltre assegnato da parte di Kering e del Festival di Cannes il Premio Young Talent Award di Women in Motion 2020.

All’interno di una casa famiglia di Buenos Aires convivono madri adolescenti e madri spirituali: ragazze, a tratti ribelli o sperdute, e donne, giovani e anziane, votate alla religione. Alle suore è affidato il compito di prendersi cura delle madri adolescenti accolte nella loro casa e dei rispettivi figli, dando vita a un’espressione profonda, delicata, toccante e a tratti ambigua della maternità. La regista racconta un mondo che ha conosciuto e di cui è entrata a far parte, in cui ha compreso la complessa unicità di questa esperienza.

“Un viso di bambina che allatta porta con sé una contraddizione commovente. Ciò nonostante, è stata l’immagine epifanica di una giovane suora che cullava uno dei loro figli che ha messo in moto il film: in quel momento ho realizzato tutta la potenza del cortocircuito emotivo di un mondo femminile chiuso, paradossale e affascinante in cui la maternità precoce delle ragazze convive con quella assente delle religiose. La scrittura ha seguito il desiderio di evocare la complessità e le contraddizioni di questo universo singolare”. (Maura Delpero)

SINOSSI. L’Hogar, un centro religioso italo-argentino per ragazze madri, è un luogo paradossale in cui la maternità precoce di giovani madri adolescenti convive con il voto di castità delle suore che le hanno accolte, tra regole rigide e amore cristiano. Suor Paola è una giovane suora appena arrivata a Buenos Aires dall’Italia per finire il noviziato e prendere i voti perpetui. Lu e Fati, entrambe diciassettenni, sono bambine bruscamente trasformate in madri. Tre donne diverse che influenzeranno reciprocamente le proprie vite e il proprio rapporto con la maternità.

Link trailer

Maternal, un film di Maura Delpero | Trailer ITA HD

 

 

MAURA DELPERO

Nata a Bolzano, dopo il percorso in lettere all’Università degli Studi di Bologna e all’Université Paris IV-Sorbonne, si forma in drammaturgia a Buenos Aires.

Il suo primo documentario, “Signori Professori”, vince il Premio Avanti!, il Premio Martini Première – The New Docu e il Premio UCCA al 26° Torino Film Festival. Nel 2011 è selezionata per la Locarno Film Summer School.

La sceneggiatura del suo film successivo, “Nadea e Sveta”, ottiene la Menzione della Giuria del Premio Solinas – Documentario per il Cinema. Il film vince, tra gli altri, il Premio Cipputi al 30° Torino Film Festival e il Premio per il Miglior Film sui diritti umani al 32° Festival Internazionale Cinematografico dell’Uruguay, e riceve una candidatura al David di Donatello.

Per quattro anni ha insegnato cinema in un centro di accoglienza per ragazze madri di Buenos Aires: un’esperienza che l’ha ispirata nella realizzazione del suo primo lungometraggio di finzione, “Maternal”. Il progetto per il lungometraggio era stato selezionato con il titolo “Hogar” alla Script Station della Berlinale 2015 e ha vinto la Menzione al Miglior Progetto e il Premio ARTE al 64° Festival de San Sebastián.

“Maternal” è stato l’unico titolo italiano presentato nel concorso internazionale del 72. Festival di Locarno. È stato acquistato da diversi paesi tra cui USA, Germania, Argentina e Francia dove, alla sua uscita nell’ottobre 2020, è stato nominato dalla stampa “Miglior film della settimana”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here