Home Speciali In sala dal 24 giugno “Hasta la vista”, il road movie di...

In sala dal 24 giugno “Hasta la vista”, il road movie di Geoffrey Enthoven

CONDIVIDI

“Hasta la vista”, il film del 2011 diretto dal regista belga Geoffrey Enthoven, arriva finalmente in Italia dieci anni dopo l’acclamato successo al Festival di Montréal, l’anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma e il remake americano del 2019 “Come as you are”, grazie a Wanted Cinema.

Il film, premiato con l’European Film Awards nel 2012, racconta la storia di tre amici con disabilità che decidono di affrontare un viaggio on the road superando i limiti imposti dalla loro condizione fisica, grazie al sostegno reciproco, alla complicità e all’amicizia.

“‘Hasta la vista’ è tratto dalla vera storia di Asta Philpot, affetto fin dalla nascita da artrogriposi multipla congenita, una patologia che lo ha costretto per la maggior parte della sua vita su una sedia a rotelle – ha spiegato Enthoven – Ho voluto raccontare una storia sull’amore, l’amicizia e il desiderio, dove l’umorismo è l’unico modo di superare situazioni tragiche e irrisolvibili. Un film sulla vera essenza dell’amicizia, quella senza filtri che può prendere in giro senza ferire e che è sempre di conforto nei momenti più bui e tristi facendo vivere con gioia ogni attimo”.

SINOSSI. Tre ragazzi di vent’anni con disabilità, amano il vino e le belle donne, ma sono ancora vergini. Per questo motivo decidono di partire alla volta di un bordello spagnolo specializzato, per riuscire a realizzare il sogno di perdere la loro ingombrante verginità. Per ottenere l’approvazione delle famiglie nascondono il loro vero piano e fingono di voler partire per un tour delle cantine di Spagna e Francia all’insegna del buon vino. Piccolo problema: uno è non vedente, uno è sulla sedie a rotelle, uno è paraplegico. Ma nulla li fermerà, anche grazie al prezioso aiuto di un’infermiera che li accompagnerà nella loro avventura, Philip, Lars e Jozef si mettono in viaggio lasciandosi alle spalle il grigio Belgio.

Con Robrecht Vanden Thoren, Gilles De SchrijverTom Audenaert e Isabelle de Hertogh.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here